L'Iran si aggrappa al suo baby fenomeno

A 19 anni, Azmoun si fa carico delle aspettative del paese

by   |  LETTURE 620
L'Iran si aggrappa al suo baby fenomeno

Si chiama Sardar Azmoun, gioca con il Rubin Kazan ed ha solo 19 anni. Sarà lui la stella della nazionale iraniana ai Mondiali di Rio. L'esperto tecnico Carlos Queiroz non ha avuto esitazioni a convocare il giovane, che nell'under 19 è stato immarcabile (19 reti in 17 partite).

Nonostante l'età, la punta è andata a segno anche nel cmapionato russo per 4 volte nei pochi spezzoni che l'allenatore gli ha concesso. L'altro nome noto dell'Iran è Ashkan Dejagah, centrocampista classe 86' del Fulham, ma anche il capitano Javad Nekounam garantisce tanta esperienza con le sue 150 presenze in Spagna con la maglia dell'Osasuna, anche se ora a 34 anni gioca con la maglia dell'Al-Kuwait.

La nazionale iraniana sogna il primo storico passaggio del primo turno, impresa finora mai riuscita ma dovrà vedersela con .avversarie più quotate come Argentina, Bosnia e Nigeria nel durissimo gruppo F. Il giocatore storicamente più famoso resta Ali Daei con 109 reti in 149 partite disputate.