Hakan Sukur: "Erdogan mi ha tolto tutto"

L'ex talento turco parla della sue problematiche politiche

by   |  LETTURE 348
Hakan Sukur: "Erdogan mi ha tolto tutto"

Oggi vive a Washington ma in passato ha fatto sognare, grazie alle sue giocate, la nazionale turca e non solo. Per guadagnarsi da vivere Hakan Sukur vende libri e guida un Uber negli Stati Uniti. La colpa? Di Erdogan. “Non mi è rimasto niente - ha spiegato al ‘Welt am Sonntag’ il 48enne ex attaccante di Inter, Parma e Torino -.

Si è preso tutto ciò che era mio. Il mio diritto alla libertà, quello di esprimermi e quello al lavoro”. Tutto iniziò quando l’ex giocatore entrò in politica schierandosi proprio con il partito di Erdogan: il loro idillio finì ben presto, i suoi beni furono confiscati e lui costretto a fuggire negli Stati Uniti.

"Il partito mi ha invitato a beneficiare della mia popolarità. Poi sono iniziate le ostilità. Hanno lanciato pietre nella boutique di mia moglie, i miei figli sono stati molestati per strada, ho ricevuto minacce dopo ogni mia dichiarazione.

Quando me ne sono andato, hanno rinchiuso mio padre e tutto ciò che avevo è stato confiscato. È stato un momento molto difficile per la mia famiglia. Chiunque aveva a che fare con me aveva difficoltà finanziarie"

Una situazione veramente terribile per l'ex giocatore che ha vestito anche le maglie di Parma, Inter e Torino: "Quando ho aderito all'AKP, la Turchia era un Paese conforme agli standard dell'Unione Europea, ma la politica di Erdogan ha portato alla rigidità ed è stata presa una direzione completamente diversa: un orientamento verso il Medio Oriente anziché verso l'Europa"

Hakan Sukur venne anche accusato di aver avuto un ruolo nel golpe del 2016: “Cosa avrei fatto? Fino a oggi nessuno è stato in grado di spiegarlo. Ho fatto solo cose legali nel mio Paese. Possono indicare quale crimine avrei commesso? No, sanno solo dire "traditore" e "terrorista”.

Sono un nemico del governo, non dello Stato o della nazione turca. Adoro la mia bandiera e il nostro Paese" La chiusura dell’intervista è un invito a Erdogan: "Torna alla democrazia, alla giustizia e ai diritti umani. Interessati ai problemi della gente. Diventa il presidente di cui la Turchia ha bisogno"