"Se sento buu razzisti lascio il campo"

A parlare è il giocatore del Celtic Ryan Christie

by   |  LETTURE 133
"Se sento buu razzisti lascio il campo"

Domani in Europa League il Celtic ospiterà la Lazio. Visti gli insulti razzisti nell'ultimo match europeo contro il Rennes, la curva laziale sarà chiuso nel prossimo match casalingo dei biancocelesti. In conferenza stampa si è parlato nuovamente del tema razzismo e il giocatore del Celtic Ryad Christie ha preso una dura posizione contro la UEFA e contro i cori razzisti: "N"Ne abbiamo parlato tra noi, ma è l'Uefa che dovrebbe intervenire.

Però se per dare un segnale dovrò abbandonare il campo, sì, lo farò" SSul tema del razzismo e il 'rischio' ultrà, la domanda è stata fatta anche al tecnico dei Bhoys, Neil Lennon, che ha risposto così: "Spero che domani sia la celebrazione del calcio, tra due grandi squadre.

C'è sempre una minoranza di tifosi che vuole rovinare tutto, ma voglio pensare alla partita e mi aspetto un'atmosfera fantastica. Il problema del razzismo non c'è solo in Italia, come abbiamo visto è anche altrove.

Vedi l'Europa dell'Est" Sul rischio di cori razzisti è stato anche chiamato in causa anche Simone Inzaghi che ha difeso la società e condannato il razzismo: "Da parte della Lazio, ogni forma di razzismo è stata combattuta. Penso che domani non ci sarà alcun problema e che sarà solo una bella partita da vivere"