EuroU21: ancora finale Spagna-Germania

Spagna inarrestabile che vince 4-1, prima i tedeschi avevano vinto 4-2: domenica a Udine la rivincita del 2017

by   |  LETTURE 318
EuroU21: ancora finale Spagna-Germania

La finale dell'Europeo Under 21 è Spagna-Germania, come nel 2017. La Rojita batte 4-1 la Francia: vantaggio transalpino di Mateta, rimonta spagnola con Roca, Oyarzabal, Olmo e Borja Majoral. La Germania nel pomeriggio aveva battuto 4-2 la Romania con le doppiette di Waldschmidt e Amiri.

Finale domenica 30 giugno a Udine. Per la quarta volta nelle ultime cinque edizioni dell'Europeo Under 21, la Spagna arriva in finale. A testimonianza della bontà e della continuità di un movimento capace di sfornare talenti quasi fosse un'industria.

Il più cristallino di questi, Dani Ceballos, per la verità fa scena muta nella semifinale contro la Francia. Anche se la classe del 10 latita, la squadra di De La Fuente ha uomini e modi per rimediare. Nonostante lo svantaggio iniziale, la Spagna non si abbatte e demolisce la Francia.

Pareggia Roca al 28', ma la Spagna è in pieno controllo del match e al quarto minuto di recupero la Francia capitola con un'ingenuità clamorosa di Konaté: intervento evitabilissimo su Oyarzabal, che si guadagna il rigore e batte Bernardoni.

Olmo segna il 3-1 appena due minuti dopo il fischio di inizio della ripresa conclude con il quarto gol per gli iberici Majoral al 66' Anche la Germania contro la Romania va due volte in svantaggio ma riesce comunque a recuperare e a mostrare tutta la sua qualita.

Doppietta di Puscas che porta i romeni anche in vantaggio per 2-1, ma nella ripresa i tedeschi risalgono, secondo tempo in cui la Germania si rimette subito a posto nel punteggio. Hagi commette fallo su Dahoud in area, rigore calciato da Waldschmidt esattamente come Puscas, ma Radu deve subire la stessa beffa del collega tedesco nel primo tempo.

Il duello tra l’attaccante tedesco e il portiere romeno si ripete poco su un tentativo da vicino del numero 18 in maglia bianca, la Romania si salva. La ripresa però presenta il conto ai romeni dopo un primo tempo fantastico, la Germania spinge con l’obiettivo di non trascinare la gara ai tempi supplementari.

Un paio di occasioni arrivano ancora per Waldschmidt, Nmecha sciupa un’altra ottima chance e quando la Romania intravede l’opportunità di allungare la partita subisce la beffa. Al 90’ segna ancora Waldschmidt, questa volta su punizione: pallone basso che trova un varco per superare la barriera, battere all’interno del palo e agitare la rete della porta di Radu per il vantaggio tedesco.