L'ANARCHICO #19 - Nobody will ever be like him

Fernando Torres dice basta, il prossimo 23 giugno si chiuderà la carriera di un fenomeno con pochi eguali. Grazie Fernando, grazie davvero

by   |  LETTURE 229
L'ANARCHICO #19 - Nobody will ever be like him

I giocatori che ho amato alla follia si contano sulle dita di una mano, uno di questi si chiama Fernando Torres.
Il suo ritiro rappresenta la fine di un era, quella in cui il sottoscritto ammirava le gesta del numero nove spagnolo e di un capitano straordinario (Gerrard) arricchire la storia di un club glorioso con pochi eguali nella storia del calcio come il Liverpool.
Il prossimo 23 giugno FT9 porrà fine alla sua carriera e ammetto apertamente che per me sarà un giorno triste.

Il suo addio nel gennaio 2011 fece male, un male assurdo, ma non lo biasimo, erano tempi difficili per i "reds" e alla fine il numero nove fece le fortune del Chelsea con il quale riuscì ad alzare una UEFA Champions League che dopo Didier Drogba, porta anche la sua firma ben calcata.
Considerando anche i successi in nazionale (un mondiale e due europei), a Torres non è mancato davvero nulla, forse l'unico vero rammarico resta la Premier 2008/2009 scivolata di mano nelle giornate finali.

La sua esperienza all'Atletico è un altro capitolo straordinario della sua carriera, una storia culminata con la vittoria della UEFA Europa League lo scorso anno dimostrando ancora una volta l'attaccamento alla maglia e l'amore verso i suoi tifosi.
D'altronde Fernando ha sempre raccontato; "In un intera classe tifosa del Real, io ero l'unico a tifare Atletico!" Meno fortunata l'esperienza italiana, ma ad ogni modo anche il nostro campionato è riuscito ad apprezzare e ammirare il suo profilo con la maglia dell'A.C.

Milan. Una storia pazzesca di un giocatore assurdo, come pochi, pochissimi in realtà. Il 23 giugno si chiuderà un qualcosa di stupendo. Dal mio canto mio ho amato Torres come raramente ho amato un professionista...

e senza quel maledetto infortunio, oggi ci sarebbe una Champions o magari una Premier in più con la sua firma nell’immensa bacheca di Anfield. Grazie per tutto Fernando. Nobody will never be like him, the best striker my eyes ever seen... the one, the only, Fernando Torres!