L'ANARCHICO #17 - Un posto al sole chiamato Champions

Una vasta lotta per qualificarsi alla prossima edizione della UEFA Champions League. Chi la spunterà?

by   |  LETTURE 233
L'ANARCHICO #17 - Un posto al sole chiamato Champions

Dopo la vittoria di lunedì sera per 2-0 contro il Chievoverona, molti tifosi interisti hanno tirato un sospiro di sollievo potendo vedere nuovamente la propria squadra al terzo posto in classifica superando quindi i bergamaschi dell'Atalanta.

Seppur il cammino sia in fase conclusiva (due giornate alla fine del campionato), l'Inter ha vissuto un intera stagione al terzo posto in classifica e, seppur dispiaccia vederla costretta a lottare fino all'ultimo per assicurarsi un accesso nella prossima edizione della UEFA Champions League, è anche vero che questa lotta resta l'unica vera attrazione di questa stagione.

Inter, Atalanta, Milan, Roma, Torino e Lazio. Tutte in lotta per l'Europa che conta e tutte vogliose di scrivere la storia in qualche modo. L'Inter terza confermerebbe la rinascita del club e l'ottimo lavoro svolto da Spalletti in queste due stagioni, capace di prendere tra le mani una squadra in stato cadaverico e riportarla dove merita.

Sarà anche un eterno secondo, ma i nerazzurri avevano bisogno proprio di un profilo come il suo per poter tornare a pensare in grande. L'Atalanta scriverebbe realmente la storia accedendo per la prima volta nella vecchia Coppa dei Campioni e ipotecando una stagione esemplare per la portata che ha questo club.

Se consideriamo anche una finale di Coppa Italia tutta da decidere, solo applausi per loro. La Roma ha subito diversi tagli con quasi tutti i migliori della rosa venduti alla concorrenza, il cambio di allenatore (che continuo a ritenere ingiusto) ha ulteriormente scombussolato la rosa che però adesso, quasi per miracolo, sembra ancora in piena lotta anche se, in tutta onestà sembra la meno favorita assieme ai cugini laziali.

Il Milan ha nuovamente smentito i mass media e, come lo scorso anno, è stata protagonista di una stagione per gran parte negativa che però le ha portato diversi punti in più grazie ai primi due mesi dell'anno dove sembrava che questa rosa non ne avesse per nessuno.

Non posso negare anche una buona dose di fortuna in partite dove neanche in giocatori rossoneri sapevano benissimo cosa fare in campo e, nonostante questo, riuscivano a portare a casa i tre punti con uno o due tiri in porta.
La fortuna aiuta gli audaci e chi più ne ha più ne metta, sicuramente in buona parte sta aiutando questo Milan che per me resta la favorita al quarto posto (da capire, parlo di fortuna, ma ovviamente il club non ha avuto solo questa).
PS.

Cambiare allenatore? Assolutamente si, Gattuso ha già dimostrato anche in passato di non essere pronto in quel ruolo, lo vedo però molto più pratico in una rosa piena di giovane come il settore primaverile.

Una persona che potrebbe sicuramente sbloccare molti ragazzi dal punto di vista mentale. Torino e Lazio sono sicuramente quelle più indietro nella corsa e che quasi sicuramente andranno in Europa League, ma è molto bello poter considerare anche loro, specie il popolo granata che meritava uno scenario simile e poter sperare fino alla fine in un esito a loro favore.
Il gioco del Toro non sarà dei migliori, ma Walter Mazzarri è da sempre un allenatore che riesce a dare il suo impatto e la sua mentalità alle proprie squadre, lo ha fatto con tutti i club da lui allenati, anche con un Inter dove venne esonerato solo per colpa di un cambio societario e di tanta incomprensione con gli uomini in giacca e cravatta.
Il Toro ci spera e ci spera anche la Lazio che avrà comunque tutto da giocarsi attraverso la finale di Coppa Italia contro l'Atalanta.

Secoli fa questo tipo di lotte erano quasi interamente incentrate sullo scudetto, ora si limitano al posto Champions. Non so se il nostro campionato tornerà mai ad avere un certo fascino, certo è che bisognerà lavorarci ancora molto e per ora accontentarci di questo. Arrivare ai livelli della Premier, specie come quella di quest'anno, credo sia impensabile.