Europa League - Probabili formazioni Arsenal-Valencia

Ramsey non farà parte della sfida mentre recupera Monreal. Il Valencia ritrova in extremis Piccini.

by   |  LETTURE 137
Europa League - Probabili formazioni Arsenal-Valencia

Arsenal: dopo aver eliminato il Napoli ai quarti di finale, l'Arsenal sogna in grande la finale del Torneo, che si svolgerà a Baku. Prima però c'è da superare l'ostacolo Valencia. Brutta perdita per Emery che non avrà a disposizione Aaron Ramsey per il resto della stagione, insieme a Bellerin e Holding, anche loro out per infortunio.

I Gunners scenderanno in campo con il 3-4-1-2; confermato Cech in porta, nella difesa a tre ci sarà Monreal, recuperato all'ultimo dall'infortunio, oltre al capitano Koscielny e Sokratis. A centrocampo, sulle fasce, Maitland-Niles a destra e Kolasinac a sinistra, che ha vinto il ballottaggio con Iwobi; al centro la coppia formata da Torreira e Xhaka.

Alle spalle delle due punte ci sarà Ozil mentre il tandem offensivo sarà composta da Lacazette e Aubameyang. Valencia: il Valencia invece arriva da un quarto di finale più semplice rispetto a quello dei Gunners, dove hanno battuto sia all'andata che al ritorno il Villareal.

Marcelino ritrova in extremis Piccini sull'out di destra, anche se non è al 100%, mentre sempre fuori i due lungodegenti Kondogbia e Cheryshev. Classico 4-4-2 per i Taronja, con Neto a difendere i propri pali. In difesa dunque Piccini a destra e Gaya a sinistra, Gabriel Paulista (ex della gara, ndr) e Garay a comporre la coppia centrale difensiva.

A centrocampo, sempre sulle fasce, Soler esterno destro e Guedes esterno sinistro, con Wass e Parejo coppia centrale. In attacco, tre giocatori per due posti da titolare: Santi Mina, Rodrigo e Gameiro si giocano il posto, ma sarà proprio il classe 95' ad andare in panchina.

Arsenal (3-4-1-2): Cech, Sokratis, Koscielny, Monreal, Maitland-Niles, Torreira, Xhaka, Kolasinac, Ozil, Aubameyang, Lacazette. Valencia (4-4-2): Neto, Piccini, Garay, Gabriel Paulista, Gaya, Soler, Wass, Parejo, Guedes, Rodrigo, Gameiro.