Qualificazione Europei - Gruppo J

Buon debutto da parte dell'Italia contro la Finlandia. Vince anche la Bosnia e la Grecia.

by   |  LETTURE 415
Qualificazione Europei - Gruppo J

Sono tre le partite giocate dalle squadre del Gruppo J per le qualificazione "Europei", cioè Italia-Finlandia, Bosnia ed Erzegovina-Armenia e Liechtenstein-Grecia. I risultati dei tre match:

  • Italia 2-0 Finlandia
  • Bosnia ed Erzegovina 2-1 Armenia
  • Liechtenstein 0-2 Grecia
Parte bene la Grecia che fuori casa, contro una nazionale abbastanza abbordabile (184° del Raking FIFA), vince 0-2.

Il primo gol lo segna Fortounis al 46°, con la palla che gli arriva da dietro, il n°10 greco al volo di destro mette la palla in rete, segnando un gran gol. Nella ripresa, all'80° minuto, Donis, ex Juve, segna un altro gran gol, controllando la palla di petto poi, girandosi, di destro la mette sotto la traversa.

La Bosnia di Pjanic, Dzeko e Krunic vince senza troppi problemi contro l'Armenia. Passano in vantaggio i padroni di casa al 33° con il gol dell'empolese Krunic che, da un corner battuto da Pjanic, anticipa la difesa armena e mette di testa la palla verso il palo più lontano, sorprendendo Airapetyan.

Il secondo gol arriva soltanto all'80 con Milosevic, che sfrutta al meglio l'assist del compagno di nazionale Visca. Trova una piccola gioia l'Armenia al 93°, su rigore, con il miglior giocatore della nazionale, Mkhitaryan.

Debutto positivo per Mancini e gli azzurri in generale, che vincono 2-0 contro una Finlandia molto fisica e dura. L'Italia passa in vantaggio subito, al 7° minuto, grazie al gol di Barella che, al volo dopo una respinta della difesa ospite, calcia in porta trovando soprattutto una deviazione decisiva quanto vincente di Piriren.La squadra allenata dall'ex tecnico di City e Inter prova a chiudere subito la partita ma la Finlandia si chiude bene in difesa.

Nel secondo tempo, precisamente al 74°, arriva il raddoppio con Moise Kean, che dopo aver ricevuto palla da Immobile, si immola verso la porta avversaria e di sinistro anticipa l'uscita di Hradecky. Debutto da sogno per Moise Kean, che alla prima da titolare con la Nazionale maggiore, trova subito gol e anche un record: è il primo millenial a segno con una nazionale maggiore.