Fonseca: "La Roma non ha avuto coraggio"



by   |  LETTURE 219

Fonseca: "La Roma non ha avuto coraggio"

"La squadra non ha avuto il coraggio necessario per affrontare una squadra come il Napoli" Dopo la sconfitta subita al San Paolo, nel post partita Paulo Fonseca analizza la prestazione dei giallorossi.

Le parole di Fonseca

"La squadra non ha avuto il coraggio necessario per affrontare una squadra come il Napoli.

È una storia semplice: il Napoli ha meritato e noi non abbiamo fatto niente per ottenere un altro risultato" "Prima di questa partita non eravamo i migliori al mondo e dopo questa partita non siamo i peggiori.

Tutte le partite sono dei test, non solo quando si gioca contro una grande squadra. Abbiamo vinto contro delle grandi squadre. Oggi no, oggi non abbiamo fatto una buona gara: senza aggressività, senza coraggio. Quando succede, dobbiamo accettarlo e dobbiamo correggere quello che non abbiamo fatto bene"

“Non voglio trovare giustificazioni. Non abbiamo avuto aggressività, non abbiamo chiuso lo spazio tra le linee e loro hanno avuto sempre facilità nell’entrare dentro, perché noi non siamo stati corti e aggressivi nella fase difensiva.

La cosa strana è che nella prima parte della partita abbiamo giocato bene e poi non siamo riusciti a fare tre passaggi di fila”. “Il Napoli è una grande squadra e noi abbiamo commesso degli errori difensivi che ci hanno tolto fiducia.

E in fase difensiva abbiamo avuto delle difficoltà. Con la palla abbiamo giocato sempre troppo diretti, senza far circolare la palla e abbiamo permesso al Napoli di uscire in contropiede”. "Non possiamo dimenticare che Dzeko è stato fermo tanto tempo, non è nella migliore condizione fisica.

Ma, come ho già detto, non possiamo cercare scuse quando perdiamo in questo modo, ma solo dire che gli avversari sono stati migliori”, ha concluso Fonseca. Il tecnico della Roma Paulo Fonseca, aveva parlato in una intervista Youtube a Quarantena da Bola.

"Non ho avuto ancora il privilegio di parlare con Tiago Pinto ma sono ovviamente contento. Ma ho soprattutto capito che è un grande professionista, in tanti me lo hanno confermato, tante persone che hanno lavorato con lui ne danno un giudizio positivo.

Sono felice che sarà alla Roma e penso che il presidente e i nuovi proprietari abbiano preso una decisione giusta nel momento in cui è stato scelto. È fondamentale che le persone che lavorano con noi siano preparate, così da poter discutere apertamente di quello che è di interesse comune.

Ho imparato tanto da altri allenatori, lavorando in contesti diversi, ma poi mi fido soprattutto delle mie idee. Sono sicuro che anche Tiago la pensa così"