Fonseca: "Non dirò che siamo da scudetto"



by   |  LETTURE 251

Fonseca: "Non dirò che siamo da scudetto"

La Roma batte 2-0 la Fiorentina allo Stadio Olimpico e si porta al quinto posto in classifica in coabitazione con Napoli e Inter, frenata nel weekend da Sassuolo e Parma. A fine partita, è un Fonseca più che soddisfatto quello che si presenta ai microfoni di Sky Sport.

Le parole di Fonseca

“La Roma ha fatto una grandissima partita contro una bellissima squadra. Oggi siamo stati bene quasi tutti, giocando con sicurezza difensiva, facendo molta pressione, uscendo sempre velocemente per gli attacchi, creando tante situazioni per fare risultato”.

“Come ho sempre detto, Lorenzo è un giocatore molto intelligente. Non ho dubbi che possa fare bene ricoprendo diverse posizioni. Ha fatto una bellissima partita come tutti. Sono soddisfatto, ha lavorato molto, sta capendo quello che deve fare in quella posizione”.

“No. Ho sempre detto che Smalling è molto importante per noi. Quando hai tre ragazzi giovani (Kumbulla, Mancini, Ibanez, ndr), è importante avere un elemento come Chris che ha una diversa serenità, una diversa leadership”.

“Dobbiamo pensare partita dopo partita. Vogliamo fare meglio della scorsa stagione e questo significa entrare in Champions League. Dobbiamo continuare a giocare con questa ambizione, con questo atteggiamento, con questo spirito di squadra ed essre sempre equilibrati.

Ragionare sulla partita successiva è sempre la cosa più importante”. “Rispetto alla scorsa stagione, abbiamo iniziato questo campionato giocando a 3 e la squadra ha risposto bene. La squadra ha più fiducia con questo modulo, è più sicura difensivamente e ha la possibilità di contrattaccare velocemente.

La squadra sta giocando bene con questo sistema. Possiamo giocare anche con un altro modulo, ma non c’è ragione per cambiare”. “Io sono sempre equilibrato, non dirò che siamo da scudetto perché abbiamo fatto una grande partita.

Juventus e Inter sono le squadre più attrezzate per il titolo”, ha concluso Fonseca, che mantiere i piedi per terra dopo la vittoria di domenica sera.