Pedro: "Roma nella lotta scudetto"



by   |  LETTURE 250

Pedro: "Roma nella lotta scudetto"

Pedro ha parlato dopo la vittoria di Udine, arrivata grazie ad un suo gran gol. "Sono contento per la squadra, abbiamo giocato una bella partita. Sono contento per i tre punti, abbiamo fatto una buona partita. Il 3 è dedicato alla mia famiglia, il cuore alzato verso il cielo è dedicato a una cara persona scomparsa da poco che conoscevo a Tenerife”.

Le parole di Pedro

“Con una squadra così chiusa è sempre difficile trovare spazi, alla fine però siamo riusciti a portare a casa la vittoria. Poteva segnare chiunque, adesso pensiamo già alla prossima partita perché scendiamo in campo sempre per vincere.

Sono contento di stare qui, ci sono giocatori di esperienza come Mkhitaryan e Dzeko. Noi abbiamo l’obiettivo di vincere sempre, è difficile ma pensiamo partita dopo partita. Vogliamo entrare in Champions League e, perché no, rientrare nella lotta scudetto.

È difficile ma proviamoci”. Paulo Fonseca aveva così analizzato il 2-2 con la Juventus. "Occasione sprecata? Sì, abbiamo fatto una buona partita. Non sono soddisfatto del risultato, ma abbiamo creato situazioni e abbiamo giocato per vincere la partita.

Dzeko? Oggi ha lavorato molto per la squadra, ha sbagliato come molti altri. E’ sereno e motivato, oggi ha fatto una buona partita" "Ho fiducia totale nella società. Il nuovo presidente è arrivato adesso e parliamo sempre.

Stiamo lavorando per trovare le soluzioni migliori per la squadra. Non è una questione di fiducia, io ho totale fiducia nel lavoro che stiamo facendo insieme" "La mancata cessione di Dzeko? Era una situazione normale che tutti qui capiamo.

Era una situazione di cui tutti abbiamo parlato e stavamo tutti insieme in questo momento" "Abbiamo tre giovani nella difesa, ma sono giovani con qualità che oggi hanno dimostrato che siamo una squadra forte difensivamente.

Mirante ha fatto una sola parata, i ragazzi sono sempre stati molto bene" "Possiamo fare cinque sostituzioni, ma se sento che la squadra sta bene non lo faccio. Ho sentito sempre la squadra bene, ho chiesto a Miki, Pedro e Dzeko se stavano bene. Non ho bisogno di cambiare quando la squadra sta bene", aveva concluso l'allenatore di Pedro.