Inter-Roma 1-3 - La moviola


by   |  LETTURE 2043
Inter-Roma 1-3 - La moviola

Vocegiallorossa.it vi propone la lettura degli episodi più controversi della partita. SECONDO TEMPO 84' - Ineccepibile il calcio di rigore per la Roma, Dzeko anticipa nettamente Medel che lo stende. 83' - Giallo a Fazio e Murillo per comportamento non rispettoso del gioco, dopo un contatto tra il difensore interista e Dzeko.

72' - Strootman colpisce nettamente il piede di Eder nell'area di rigore, Tagliavento sbaglia nel non concedere il penalty all'Inter. 56' - Nessun fallo sulla ripartenza che porta Radja Nainggolan al gol dello 0-2.

Nainggolan tocca Gagliardini con un braccio, ma l'entità sembra davvero insufficiente per fischiare il fallo. Da notare come né Tagliavento, né il suo secondo assistente fossero rivolti all'azione.

PRIMO TEMPO 40' - Giallo ineccepibile per De Rossi, che contrasta con imprudenza Gagliardini. 39' - Contatto ma non fallo tra Icardi e Fazio: è l'interista che colpisce il romanista. 31' - Szczesny ha entrambe le mani sul pallone quando viene contrastato da Joao Mario: fallo fischiato da Tagliavento in maniera corretta.

Quando un portiere ha il controllo del pallone con le mani, infatti, non può essere contrastato da un avversario, e si considera che un portiere abbia il controllo del pallone quando il pallone è tra le sue mani o tra la mano ed una superficie qualsiasi (ad esempio, il terreno, il proprio corpo) o toccandolo con qualsiasi parte delle braccia o delle mani, salvo che il pallone non rimbalzi accidentalmente sul portiere o questi abbia effettuato una parata 6' - Perisic viene ammonito perché palleggia il pallone per portarselo sulla testa e passarlo ad Handanovic in modo che lo possa bloccare con le mani.

Il giallo è assolutamente corretto così come il calcio di punizione indiretto, perché usare intenzionalmente un espediente per passare il pallone (anche da calcio di punizione) al proprio portiere con la testa, il torace, il ginocchio, ecc.

con lo scopo di aggirare la Regola, indipendentemente dal fatto che il portiere tocchi o no il pallone con le mani, è un comportamento antisportivo