Dalot: "Sento di essere nel posto giusto"



by   |  LETTURE 301

Dalot: "Sento di essere nel posto giusto"

Diogo Dalot è stato, in ordine cronologico, l'ultimo acquisto del nostro calciomercato estivo. Un rinforzo per la difesa, un giocatore dalle qualità tecniche e fisiche, un terzino di spinta a proprio agio sia a destra che a sinistra.

In attesa di vederlo in campo, è arrivato il momento della sua presentazione ufficiale a Milanello; insieme a quella di Hauge. Ecco tutte le dichiarazioni del nuovo numero 5 rossonero, che ha risposto alle domande dei giornalisti alla vigilia della partita con il Celtic Glasgow in Europa League, la prima della fase a gironi.

Le parole di Dalot

"Avendo giocato in un Club importante come il Manchester United, certamente porto con me tanta esperienza, che spero di portare in campo con la maglia rossonera. Milan e United sono due grandi squadre"

"Un giocatore deve sempre cercare di migliorare, io cercherò di farlo sia in fase offensiva che difensiva. Voglio tenere questa mentalità. Sento di essere nel posto giusto" "Mentre andavamo allo stadio per il derby sono rimasto senza parole: vedere così tanti tifosi a sostenerci è stato fantastico.

Scene come queste ti fanno arrivare ancora più forte e carico alla partita. Spero di vedere presto San Siro pieno" "Leao? Sono contento per la sua prestazione nel Derby. È sicuramente un giocatore forte, sono sicuro ci darà una grossa mano quest'anno"

"Ho cambiato diverse posizioni nella mia carriera, sia a destra che a sinistra. Nasco come terzino destro, ma sono pronto anche a giocare in altri ruoli" "Io penso solo al Milan ora. La mia testa è qui al 100%: spero di fare grandi cose, raggiungendo tutti i nostri obiettivi"

"Sicuramente il mio modello è Dani Alves. È stato un punto di riferimento per me quando ero ragazzino, il suo modo di giocare mi ha fatto appassionare alla sua posizione in campo" "Dobbiamo pensare ad una partita per volta.

Arriviamo da una bella vittoria nel Derby, ma ora la nostra testa è già proiettata all'Europa League", ha concluso Dalot.