Rui Costa: "Milan vicino alla Champions"



by   |  LETTURE 300

Rui Costa: "Milan vicino alla Champions"

Manuel Rui Costa ha parlato di Milan a Goal.com.

Le parole di Rui Costa

"Il Milan ha fatto un ottimo ciclo fino a qualche anno fa, ha partecipato a tre finali di Champions League e ne ha vinte due. Poi il club si è perso un po' in Champions League.

Il Milan ha fatto degli investimenti e ha avuto drastici cambiamenti nella struttura del club, tutto ciò ha causato questo ciclo. In questo momento, il Milan sta attraversando una fase di crescita e miglioramento. Molti pensavano che il club potesse raggiungere la Champions League già nell'ultima stagione, ma credo che il Milan sia molto vicino a poter partecipare nuovamente alla competizione, una competizione dove il Milan deve sempre essere"

Mino Raiola ha parlato a Sky di Zlatan Ibrahimovic: "Niente raduno, per il momento. La trattativa sta andando avanti, stiamo parlando, non è solo una questione di soldi, c'entrano anche le convinzioni e lo stile.

I matrimoni si fanno in due e io sono ottimista, se si continua a parlare è per trovare delle soluzioni" "Non dico niente di Gigio Donnarumma perché so che è una questione sensibile, soprattutto per quanto riguarda i tifosi.

Non è il momento di parlarne. Con Bonaventura stiamo valutando da vicino un paio di proposte e credo che in pochi giorni si arriverà a una definizione del suo nuovo club" "Pirlo? E' una bella sorpresa, anche se sarà difficile visto quanto si viene criticati quando si guida la Juventus.

Se allena come giocava non ce ne sarà per nessuno, nemmeno per Guardiola. Bernardeschi? Stiamo parlando, ci stiamo conoscendo, è un ragazzo molto consapevole. Ha capito che da adesso parte una nuova carriera, visto che cambia l'allenatore e il sistema di gioco.

Se lui e la Juve valuteranno che è il caso di continuare insieme, ben venga, altrimenti guarderemo da altre parti. De Ligt? Ragazzo e giocatore straordinario. Ora è fermo per l'infortunio ma i bianconeri hanno in mano un tesoro"

Chiosa su Balotelli: "Era iniziato tutto bene, poi ci sono state queste incomprensioni con Cellino. Mi metto in mezzo anch'io, non mi tiro indietro. Abbiamo scelto la strada del silenzio, il mondo intero ha già una sua opinione su Mario.

Va cambiata coi fatti, il Covid certo non ci ha aiutato. Però adesso stiamo parlando con varie squadre per ripartire. Di certo lui non è finito e di attaccanti come lui il calcio ha bisogno come l’acqua. Anche in Italia può avere mercato, stiamo parlando con un paio di squadre", ha concluso su SuperMario, passato dal Milan dopo l'era gloriosa vissuta dai rossoneri con Rui Costa.