Scaroni: "Nuovo stadio a Milano nel 2024"



by   |  LETTURE 514

Scaroni: "Nuovo stadio a Milano nel 2024"

In una intervista rilasciata al Corriere della Sera, il presidente del Milan Paolo Scaroni è tornato a parlare del nuovo San Siro.

Le parole di Scaroni

"Con i proventi da stadio ci si può comprare una squadra intera.

Credo siamo sulla strada giusta. Il Comune ci ha fatto una proposta che non ci piace molto perché ha ridotto le nostre richieste di costruzioni, ma che abbiamo accettato perché dovrebbe risolvere la parte politica della questione.

Oggi sono ragionevolmente ottimista, mi sembra che il Comune abbia sposato il progetto di avere uno stadio nuovo e anche l'opposizione lo veda con favore" Lo stadio sarà pronto per il 2024. Ci sarà una fase in cui il nuovo stadio sarà completato e San Siro sarà ancora in piedi: deciderà il sindaco dove svolgere la cerimonia (delle Olimpiadi Invernali, ndr), mi sembrerebbe strano non usare l'impianto nuovo.

Poi partirà la rifunzionalizzazione di San Siro, che ci costerà 74 milioni e consentirà di salvare parti del vecchio stadio in un parco dello sport" Stefano Pioli intanto si gode il 4-2 alla Juventus.

"Giro i complimenti ai miei giocatori, anche nelle difficoltà hanno voglia di stare insieme e ci credono fino alla fine. Sono stati premiati da una grande vittoria. Il lavoro fatto tutti i giorni a Milanello, di portare avanti le nostre idee è importante.

La classifica non rispecchiava le nostre qualità, ma ci siamo compattati nelle difficoltà e ora la squadra sta bene, soprattutto mentalmente. Chi gioca è sempre pronto. Sono contento anche se c’è ancora tanto da fare, mancano 7 partite e ci giochiamo tutto"

"Non sto pensando a quello che succederà a fine stagione. Stiamo lavorando bene e siamo diventati squadra e la nostra testa è solo sul Napoli. Non mi interessa a quello che accadrà dopo il 3 agosto, sono concentrato sul mio lavoro al Milan e non sono preoccupato per il mio futuro.

Sono orgoglioso di quello che stiamo facendo e sarebbe giusto toglierci ancora qualche soddisfazione" "Il lavoro dello staff è stato molto importante, ma anche in questo devo fare i complimenti ai ragazzi che durante il lockdown hanno lavorato bene con quello che avevano.

Quello che abbiamo fatto sta venendo fuori, ma ora la squadra si conosce meglio e sta bene in campo. I miglioramenti si vedono, i complimenti fanno piacere ma dobbiamo essere bravi a mantenere questo livello perché è un campionato particolare e pieno di sfide difficili"

"Dispiace per i due gol presi perché potevamo fare molto meglio, poi però siamo stati bravi a sfruttare l'episodio del rigore. La mentalità di questo Milan al momento sta facendo la differenza e dobbiamo insistere.

Io voglio centrare l'obiettivo per il quale sono stato chiamato. Il resto non mi interessa. Io voglio allenare e mi piace trovare squadre in cui sto bene, come ora al Milan. Non posso perdere energie in cose che non dipendono solo da me" E forse neanche da Scaroni...