Pioli: "Ibra e Rebic insieme, si può"



by   |  LETTURE 302

Pioli: "Ibra e Rebic insieme, si può"

Stefano Pioli esulta dopo il 3-0 alla Lazio. "L'abbiamo preparata bene e fatto una grandissima prestazione soprattutto a centrocampo. Abbiamo speso tanto fisicamente e tutti i giocatori mi hanno dato risposte positive.

Siamo già concentrati sulla sfida di martedì a San Siro con la Juventus"

Le parole di Pioli

"Ibrahimovic ci ha fatto crescere per mentalità e qualità: sta facendo la differenza. E' dentro al gruppo ed è motivatissimo.

A Milanello lavoriamo benissimo e alleno un gruppo di giocatori responsabili: tutti sono consapevoli di indossare la maglia del Milan. Il mio futuro non so quale sarà, ma siamo concentrati per fare bene. Meritavamo più punti in classifica: tutti daranno il 110% per conquistare l'Europa League visto che la Champions è impossibile.

Molto giocatori hanno rinnovato il contratto per queste ultime partite nonostante poi non saranno riconfermati: giocano con l'orgoglio di dimostrare il loro valore. Rebic aveva bisogno di rifiatare a livello mentale. Ibra è cresciuto, non ha i 90' nelle gambe: loro posso anche giocare insieme.

Ho molto scelte, speriamo di recuperare Calhanoglu per la Juve" Simon Kjaer intanto resta in rossonero. "Milan e Siviglia hanno trovato l'accordo per estendere il prestito con diritto di riscatto fino al termine della stagione", ha confermato in esclusiva a SportMediaset.it l'agente del difensore Mikkel Beck.

"Kjaer vede il suo futuro al Milan e la situazione coronavirus non ha cambiato la sua prospettiva. Sta facendo un lavoro fantastico in rossonero con ottime prestazioni e buoni risultati. La squadra è migliorata da quando è arrivato a gennaio e il modo in cui lo hanno accolto i tifosi è stato straordinario"

Proprio Simon Kjaer, difensore arrivato tra lo scetticismo generale ma capace di guadagnarsi il posto da titolare al fianco di Romagnoli, intanto ha parlato ai microfoni di ‘Sky Sport’. “Pioli mi ha dato fiducia, schierandomi in campo.

Sapeva che ho tanta esperienza e mi ha fatto giocare, non mi serve altro. Poi nel calcio può andare bene o male”. “Atalanta? Il calcio è così, mister Gasperini ha preso una decisione e mi ha detto le cose in faccia.

Poi posso essere d’accordo o meno, però lo rispetto perché è stato schietto. Poi ho avuto l’occasione di arrivare al Milan. È un sogno che si avvera dopo averlo inseguito a lungo in questi anni”. Per la gioia di Pioli.