Pioli: "Voglio i miei giocatori motivati e arrabbiati"

Pioli parla alla vigilia del match contro la Spal

by   |  LETTURE 126
Pioli: "Voglio i miei giocatori motivati e arrabbiati"

"Bisogna essere realisti, questo per noi non è un buon momento - ha svelato in conferenza stampa - e serve assolutamente migliorare la classifica. Non siamo quelli di domenica scorsa" A San Siro, in serata, arriverà una Spal distante solo tre punti in classifica e lo spettro della zona retrocessione così vicina fa paura ai rossoneri che hanno di fronte un calendario ostile e impegnativo, ma è importante fare punti.

"Non penso a questo, ma solo a come schierare la migliore squadra in campo. Serve un gruppo battagliero, motivato, orgoglioso e con il giusto spirito. Non saremo i migliori tecnicamente, ma almeno voglio diventarlo dal punto dello vista di spirito e della determinazione.

C'è tanto da fare, siamo giovani e io cerco di stare vicino ai giocatori, voglio essere una figura convincente" Sulla formazione: "Piatek o Leao? Uno è un centravanti con determinate caratteristiche, l'altro ne ha diverse.

A Roma ho scelto Leao e mi aspettavo di più da lui. Possono anche giocare insieme, ma l'importante è la testa, il modo di scendere in campo" Su Suso: "Le sue qualità sono indubbie, ma è sbagliato indicarlo come il responsabile del momento: tutti devono dare qualcosa in più.

Bennacer? C'è anche Bonaventura, ho qualche soluzione in più. Credo che cambierò qualcosa rispetto all'ultima gara. Con la Spal dovremo essere più lucidi e cercare la costruzione semplice, con la superiorità numerica da dietro, con la Roma ho visto pochi movimenti senza palla"