Il complicato scambio fra Silva e Rebic

Dopo varie difficoltà, si conclude lo scambio di attaccanti fra Milan e Eintracht Francoforte.

by   |  LETTURE 324
Il complicato scambio fra Silva e Rebic

A lungo la dirigenza del Milan ha trattato Angel Correa, argentino classe '95 dell'Atletico Madrid, con l'intento di regalare a Marco Giampaolo un giocatore in grado di muoversi su entrambe le fasce oltre che da seconda punta, ruolo fondamentale nello schema di gioco dell'allenatore del Milan.

La trattativa era nata a metà Luglio, quando venne annunciato che i rossoneri erano intenzionati a cedere Patrick Cutrone e André Silva per finanziare l'acquisto del 10 dei Colchoneros. I contatti si erano intensificati quando, ormai ceduto Cutrone al Wolverhampton, l'attaccante portoghese era a un passo dal Monaco.

Per motivi economici la trattativa fra il Milan e i francesi saltò, così i rossoneri dovettero cambiare la propria offerta relativa a Correa, abbassandola da 50 milioni a 40 più eventuali bonus, portando la trattativa in una fase di stallo.

Le settimane passavano e ogni giorno usciva qualche nome nuovo da accostare al Milan, senza però mai essere confermato, facendo così pensare a una chiusura anticipata per il mercato in entrata dei rossoneri.

Nella serata di ieri però, c'è stata la svolta. Ante Rebic, che nelle passate settimane era stato bloccato dall'Inter in caso di cessione di Politano, è a un passo dal Milan. Le voci di questo eventuale passaggio in rossonero del giocatore croato vengono prima confermate dalle varie testate giornalistiche italiane principali, poi anche dal Direttore Sportivo dell'Eintracht Francoforte, Bobic:"Posso confermare che siamo in trattativa con un club di cui non farò il nome.

Per questo, il giocatore non vuole scendere in campo su sua richiesta. Avremo anche un giocatore, se tutto funzionerà alla fine non sarà un brutto affare per noi" Nella giornata odierna quindi, dopo l'arrivo a Milano ieri notte, cominciano le visite mediche di Rebic per diventare un nuovo giocatore rossonero in prestito biennale oneroso a 5 milioni con diritto di riscatto fissato a 25 milioni.

Se in Italia tutto procede per il verso giusto, lo stesso non si può dire di ciò che accade in Germania. Durante le visite mediche di André Silva, viene riscontrato un problema di natura tendinea, che potrebbe far saltare l'affare.

Sono attimi di attesa sia per la dirigenza del Milan, sia per Ante Rebic. Se intorno alle 16:45 lo scambio di prestiti rischiava di saltare, un'ora dopo, verso le 17:40, arriva la firma dell'attaccante croato con i rossoneri e dell'attaccante portoghese con i tedeschi, facendo così capire che i problemi riscontrati durante le visite mediche sono stati risolti senza ulteriori complicazioni sia per l'interesse delle due squadre, che trovano due giocatori utili per i propri allenatori, sia per i giocatori stessi, pronti a dimostrare quanto valgono in una nuova piazza.