Tevez: è la squadra che vince gli scudetti, non Conte



by   |  LETTURE 2469

Tevez: è la squadra che vince gli scudetti, non Conte

"Penso che noi giocatori dobbiamo dimostrare che è la squadra che ha vinto gli scudetti, non solo il mister Conte che ha aiutato tantissimo. La squadra deve essere più forte per dimostrare a tutti che è la squadra che vince"

Sono parole di Carlitos Tevez con le quali, di fatto, l'Apache della Juventus ha congedato Antonio Conte. Consapevole che i tifosi abbiano preso male l'addio di Conte, Tevez ha spiegato: "A me personalmente non ha deluso.

L'ho scritto su Twitter: Conte è un campione come persona e come allenatore. Lui ha preso la decisione molto prima di adesso", ha aggiunto l'attaccante Argentino che non ha nessuna intenzione di andarsene dalla Juve nonostante l'addio di chi lo aveva voluto: "Non ho mai pensato di lasciare la Juve.

Non mi è mai passato per la testa. Ho firmato per tre anni con la Juventus e vorrei terminare il mio contratto" Le malelingue avevano anche parlato di un confronto tra Tevez e Marotta in cui l'argentino avrebbe detto "se prendere Mancini, me ne vado"

Tutto falso, come confermato dallo stesso 'Apache': "Non ho parlato con Marotta. Lui non deve fare questa domanda a me, a un giocatore. Io penso che la società si sia guadagnata il rispetto e non penso che si debba fare questa domanda a un giocatore, se arriva un allenatore o no.

Chi scrive sui giornali queste cose dovrebbe avere più rispetto. Quelli che parlano così vogliono il male della Juve, questo è il mio punto di vista" Gli obiettivi restano gli stessi anche quest'anno: campionato e Champions: "È un bene che tutti pensino che la Roma e il Napoli siano meglio di noi per il campionato, ma sarà il campo a dirlo e bisogna avere rispetto perché siamo noi i campioni d'Italia.

La Champions? Io penso che con la squadra che c'è e credendoci un po' di più sia possibile dare questa allegria al popolo juventino"