Pirlo: "Fare nostre partite anche senza CR7"



by   |  LETTURE 252

Pirlo: "Fare nostre partite anche senza CR7"

Dopo il pareggio per 1-1 contro il Benevento, Andrea Pirlo ha parlato in conferenza stampa.

Le parole di Pirlo

"Avevamo gestito bene la partita nel primo tempo a avremmo potuto chiuderla, ma non riusciamo ancora a capire i momenti della gara, abbiamo battuto un calcio d'angolo velocemente allo scadere, loro hanno recuperato palla e abbiamo subito gol.

Dobbiamo capire che i momenti delle partite non sono tutti uguali e nel secondo tempo c'è stato un po' di nervosismo e poca lucidità. Quando ci mancano giocatori di esperienza e personalità facciamo fatica.

Ronaldo aveva già avuto un problemino mercoledì e ha preferito recuperare. È un valore aggiunto e l'ha dimostrato, ma anche quando non c'è dobbiamo riuscire a fare la nostra partita. Stiamo lavorando sullo sviluppo el gioco cercando di giocare con due esterni, uno più offensivo e uno che parte da dietro, ma quando le partite si “sporcano”, dobbiamo risolverle giocando in maniera lineare.

Avremmo dovuto chiudere la gara, ma manchiamo un po' di personalità e su questo dovremo lavorare. Kulusevski? È un giocatore giovane, non può esserci in tutte le partite visto che gioca anche in Nazionale, va gestito anche perché le responsabilità sono diverse quando si gioca per la Juve"

La Juve ha centrato la qualificazione agli ottavi di Champions con due turni di anticipo, superando il Ferencváros in pieno recupero. Dopo la rete degli ungheresi firmata da Uzuni e il pareggio di Ronaldo, è Alvaro Morata a decidere il match in pieno recupero.

Queste le parole dello spagnolo al termine dell'incontro. "In Champions tutte le partite possono essere difficili e quella di oggi lo è stata, ma alla fine abbiamo vinto e questa è la cosa più importante.

Siamo contenti e ora torniamo a concentrarci sul campionato. Cos'è cambiato per me? Ora sono un giocatore più completo, cerco di partecipare di più al gioco e in questo periodo sto segnando spesso. Oggi ho colpito un palo, ma poi sono stato fortunato nell'occasione del gol"

"Volevamo entrare con un altro atteggiamento, perché siamo stati un po' superficiali e dopo abbiamo dovuto rincorrere. La prima pressione non era veemente come avremmo voluto, ma l'importante era non sbilanciarsi e subire le ripartenze, ne abbiamo concessa qualcuna nel primo tempo, poi nella ripresa siamo migliorati.

Il ritmo però non era alto e non facevamo girare velocemente il pallone. Arthur? Oggi ha cercato di portare troppo palla, mentre avremmo dovuto aprire di più il gioco, ma sta crescendo, anche a livello fisico.

Anche Dybala è in crescita, viene da un periodo di inattività ed è normale che abbia bisogno di tempo per trovare la forma migliore. De Ligt? È stato un ritorno importante, ci consente di essere più aggressivi e può dare molto in fase di impostazione. È un capitano già a vent'anni", aveva detto Pirlo.