Pirlo: "A Budapest per tornare a vincere"



by   |  LETTURE 238

Pirlo: "A Budapest per tornare a vincere"

Per la prima volta nella sua storia la Juventus stasera giocherà nella Puskas Arena, stadio di recente costruzione (2019) e teatro della sfida contro il Ferencváros. Un impianto dal quale hanno parlato Mister Andrea Pirlo e Juan Cuadrado per presentare la sfida contro la squadra ungherese, match valido per la terza giornata del girone G di UEFA Champions League.

Le parole di Pirlo

Andrea Pirlo ha ben chiaro in testa l'obiettivo della partita. "Siamo qui per vincere. Abbiamo visto e studiato il Ferencváros, è una squadra che gioca con personalità e con buone trame di gioco, non meritava di perdere in quel modo (5-1) contro il Barcellona.

Dispone di giocatori veloci e aggressivi". Alla Puskas Arena ci sarà il pubblico (il 30 per cento della capienza dello stadio, che può contenere fino a 68mila spettatori), proprio come successo a Kiev. "Scendere in campo con la gente sugli spalti ci condiziona in meglio.

Il pubblico ti permette di sentire di più le sensazioni della partita, come le difficoltà o i rischi in fase difensiva" Infine una considerazione tattica sull’ultima gara giocata a Cesena contro lo Spezia.

"Domenica McKennie ha svolto lo stesso lavoro di Ramsey e Kulusevski in altre partite. Il nostro concetto di calcio non cambierà neanche domani" "Veniamo qui a Budapest con grande fiducia visto l’andamento dell’ultima partita giocata in campionato.

Domani vogliamo dimostrare quello che siamo, scenderemo in campo con la voglia di fare un buon risultato in uno stadio molto bello. Vogliamo proporre un bel gioco, dobbiamo essere corti e compatti e avere grande determinazione"

Quattro gol e tre punti importanti. Pirlo non nasconde la soddisfazione per il risultato ottenuto contro lo Spezia. "Abbiamo fatto una buona partita, dovevamo essere più cattivi nel primo tempo e chiuderla, ma nonostante le occasioni create non ci siamo riusciti.

Però nel secondo tempo siamo entrati bene in campo, con la voglia di vincere e Cristiano ci ha dato una mano. Visto l'atteggiamento dello Spezia, che giocava con tre centrocampisti, abbiamo abbassato un po' Arthur perché sapevamo che avrebbe avuto un po' più di libertà dietro il loro attacco.

Dybala? Ha fatto una buona partita, gli manca un po' la condizione, ma sta crescendo e lo aspettiamo" Pirlo aveva parlato anche alla vigilia. "Quella di domani è una partita da vincere. Sarà difficile così come a Crotone, lo Spezia è una neopromossa che sta facendo bene.

Conosce bene il tecnico (Vincenzo Italiano), abbiamo fatto il corso da allenatore insieme. Dovremo fare una bella gara e portare a casa punti importanti per il proseguo del nostro percorso" "É arrivata la negatività anche del secondo tampone, quindi Ronaldo partirà con la squadra.

Sta bene e stamattina si è allenato individualmente. Non credo che comincerà dall’inizio, vedremo come starà" "Per de Ligt bisogna aspettare ancora una settimana, così ha detto l’ortopedico.

Bonucci ieri ha fatto lavoro a parte, oggi invece con la squadra. Ci sarà contro lo Spezia, mentre Chiellini non è convocato per proseguire il suo lavoro di recupero. Sta meglio, ma non è disponibile"

"In questo momento manca ancora la reattività nel recupero della palla. Nella fase difensiva siamo una delle squadre che ha subito meno gol. Vogliamo proporre un gioco offensivo, è normale che in partita possa esserci qualche occasione in più per gli altri.

A centrocampo ci vuole amalgama tra giocatori che fino ad ora hanno giocato poco insieme, ci vuole tempo per capirsi nei movimenti in campo, stiamo lavorando sulla fase di riaggressione, deve essere più immediata. La pressione? Non sono sorpreso, sono sempre stato sotto i riflettori e sono abituato ad avere delle responsabilità.

L’attacco? Dybala non è ancora al cento per cento, ha bisogno di allenarsi e trovare il ritmo. Ramsey non è al meglio ma lo portiamo a Cesena. Qualcuno in avanti dovrebbe riposare ma adesso deve giocare per forza", aveva concluso Pirlo.