Juventus Women, storica gara a San Siro



by   |  LETTURE 356

Juventus Women, storica gara a San Siro

Un'altra prima volta storica con protagonista le Juventus Women: la prima partita di Serie A Femminile a San Siro. E come spesso accade le bianconere accettano l'appuntamento con il grande evento e si fanno trovare pronte vincendo con il rigore di Girelli al 12'

Nella partita di San Siro c'è tutto: la qualità, la grinta e la capacità di soffrire.

La vittoria delle Juventus Women

Le emozioni restano fuori dal campo, la Juventus che corre sul prato dello stadio rossonero è la solita: concentrata, attenta, affamata.

Le bianconere combinano benissimo negli spazi, si cercano con costanza e soprattutto si trovano e al 12' passano in vantaggio. Azione di Cernoia che semina avversarie e viene sgambettata in area di rigore, proiettando sul dischetto Cristiana Girelli, che non sbaglia.

Il vantaggio non rallenta la Juve che, anzi, continua a spingere. Bonansea impegna Korenciova al 17', poi al 23' è Pedersen, di testa, a sfiorare il raddoppio. La sua girata, però, non trova lo specchio.

Trova la porta, di testa, Girelli al 31', su una pennellata di Cernoia, ma Korenciova risponde presente. La reazione rossonera è solo nella punizione di Agard respinta con i pugni da Giuliani. La ripresa parte con un Milan più aggressivo e pericoloso, che tiene maggiormente il possesso e riesce ad arginare le azioni della Juve, che comunque spaventa le rossonere con Bonansea.

La più grossa occasione del Milan arriva al 75': Bergamaschi devia di testa da ottima posizione, ma non trova lo specchio. La Juve mostra di saper soffrire, Hyyrynen, Salvai, Sembrant e Boattin chiudono tutti gli spazi e sfiora il raddoppio in due occasioni con un colpo di testa di Pedersen e con una discesa incontenibile di Galli, che semina avversarie come birilli, ma viene bloccata al momento del tiro.

Minuto dopo minuto il cronometro diventa amico e lo spavento più grosso arriva all'89' con la conclusione da ottima posizione di Salvatori Rinaldi, che spara alto. Al triplice fischio sorride la Juve, capace di mettere in campo tutto.

Con la testa che ora va già al prossimo impegno. Domenica arriva la Fiorentina. "Siamo molto contenti per il risultato perché venire qui a Milano, alla prima di San Siro e vincere era esattamente quello che ci auspicavamo - il commento di Coach Rita Guarino -.

Oggi sapevamo che avremmo affrontato una squadra che fa della fisicità e dell'agonismo il punto di forza quindi dovevamo saper soffrire. Siamo partite bene nel primo tempo, non abbiamo sfruttato tutte le occasioni, nel secondo abbiamo sofferto un po' all'inizio, poi è emersa la voglia di chiudere questa partita con i tre punti in tasca.

Siamo state brave fino alla fine" "Siamo partite con i piedi di piombo, giocavamo contro una grande squadra, poi abbiamo carburato e fatto quello che ci ha chiesto la coach, poi abbiamo tenuto duro quando serviva - l'analisi di Galli -.

Il campionato è di un equilibrio pazzesco, era importante fare tre punti, settimana prossima c'è una partita molto importante e finita questa pensiamo alla prossima" "L'emozione quando giochi in questi stadi c'è sempre e da juventina vincere in questo stadio ha un altro sapore - così Lisa Boattin delle Juventus Women-.

Abbiamo vinto tra l'altro contro il Milan, una squadra forte da affrontare con la mentalità giusta. Era importante vincere oggi"