Kulusevski: "Panchina, sono scioccato".



by   |  LETTURE 186

Kulusevski: "Panchina, sono scioccato".

Dejan Kulusevski, neo juventino, non ha usato giri di parole dopo la panchina iniziale nella partita di Nations League della sua Svezia contro la Francia.

Le parole di Kulusevski

"Non ho avuto tempo di incidere sull'incontro.

Sono rimasto scioccato. In allenamento è andato tutto benissimo ma, sfortunatamente, il calcio è anche questo. È una sensazione strana ma rispetto la scelta del mister" Adrien Rabiot intanto non vede l'ora di tornare a Torino dopo le partite con la sua nazionale.

"Con Pirlo ho avuto modo di lavorare solo una settimana, ma da quel che ho visto, si capisce che è stato un grande giocatore. I principi di gioco che vuole mettere in pratica mi corrispondono e penso che sia un vantaggio avere uno come Pirlo, per noi tutti e per me in particolare come centrocampista.

Insomma, è davvero il must essere allenato da lui" "Anche se ho lavorato poco con Pirlo, sono cambiate molte cose, a cominciare dal fatto che si vede che Pirlo è stato un giocatore importante per la Juve.

Il suo staff è composto da ex giocatori, ed è più giovane rispetto a quello di Sarri, ma anche più vicino a quello che rappresenta la Juventus e di quel che la Juve ricerca. Spero davvero funzioni, per loro e per noi tutti, e che Pirlo ci porti lontano, sul tetto dell'Europa.

"Alla Juve ho avuto difficoltà all'inizio, ma sono ottimista, mi piace la concorrenza e mi sono battuto per guadagnarmi un posto in squadra. E me lo sono tenuto stretto pensando appunto che quando sei titolare in un grande club come la Juventus, si possono aprire anche le porte della nazionale.

Sono soddisfatto di come è andata a Torino, personalmente: ho cominciato nella difficoltà ma è finita bene. Come dimostra anche il gol al Milan: reti così le segni solo se stai bene fisicamente e mentalmente.

Il campionato italiano è superiore, più difficile in molti settori, per intensità e ritmo, anche in allenamento, e per la preparazione tattica", ha concluso Rabiot, che si giocherà il posto anche con Kulusevski nella nuova Juventus di Pirlo.