Paratici: "Pirlo, una scelta naturale"



by   |  LETTURE 218

Paratici: "Pirlo, una scelta naturale"

Fabio Paratici non ha dubbi su Pirlo. "Una scelta naturale, una scelta juventina. Andrea è un ragazzo che è stato da noi, ha giocato con noi, è sempre stato in contatto con noi. Pensiamo anche al fatto che possa essere un predestinato da allenatore, come lo è stato da giocatore.

Un percorso alla Zidane? Ce lo auguriamo, visti i risultati di Zizou"

Le parole di Paratici

"Siamo tutti in un territorio inesplorato, nessuno ha mai vinto nove scudetti di fila con così tanti cambiamenti.

Non è l'Europa il termometro, la qualificazioni ai quarti o una finale, ma è tutto il percorso. La situazione di Allegri era diversa, aveva un percorso di cinque anni, è stato tutto un insieme di cose, che vanno aldilà di un mero risultato possibile.

Ormai le grandi squadre sono legate a giudizi troppo veloci, legate a certi risultati. Ma sappiamo che certe competizioni, come la Champions, sono a volte anche legate agli episodi. Detto che difendere me stesso è difficile, ma visto che il presidente l'aveva già fatto pubblicamente ieri mi sembrava difficile ribaltare il suo pensiero al pomeriggio.

La Roma? La rispetto, è un club importante, ma sono qui da oltre 10 anni e sto molto bene. Ho un rapporto che va oltre quello professionale con molte persone" Andrea Agnelli aveva fatto il bilancio stagionale della Juve.

"Uscire in questo modo ci deve lasciare tutti quanti delusi, quindi ci prenderemo qualche giorno. Faremo delle valutazioni per capire come affrontare la prossima stagione con un rinnovato entusiasmo. Riguarda anche l'allenatore? Certo, assolutamente, io faccio un discorso di società"

Il bilancio in Champions League è deludente, per noi, per i giocatori, per i tifosi. Perché se prima avevamo un sogno oggi abbiamo un obiettivo, Il bilancio è agrodolce. E' stata una stagione difficilissima, abbiamo ottenuto grande risultato con nono scudetto consecutivo..

Sarri è arrivato dalle categorie più basse fino alla vetta d'Italia. La pagina scritta da Maurizio Sarri è stata storica in Italia" "Cristiano Ronaldo è un pilastro della Juventus Mi risulta che il racconto del giornalista in questione sia frutto di una intervista di qualche mese fa.

E pubblicato contestualmente con la partita dei francesi. Dobbiamo ripartire con rinnovato entusiasmo, senza, però, dare per scontato che si vinca in Italia. Il bilancio si fa con allenatore, staff, non ci si può focalizzare solo sull'obiettivo mancato.

Una stagione è fatta di più obiettivi, per questo dico agrodolce. Faremo valutazioni su come ritrovare entusiasmo per la prossima stagione con voglia di vincere in tutti i camp" "Le riflessioni coinvolgono anche l'area tecnica? Ho un gruppo dirigente forte e affiatato, me lo tengo stretto.

Qualche giorno fa ho fatto i complimenti a Nedved, Paratici e Cherubini per come hanno saputo gestire un anno come questo. Ribadisco i complimenti e la stima che ho per questo gruppo dirigente che assieme continuano a perseguire obiettivi che in questo momento devono essere perseguiti dalla Juventus", aveva concluso Agnelli, prima di ufficializzare Pirlo e confermare Paratici.