Sarri: "Ronaldo? Ci soffriva un po'..."



by   |  LETTURE 273

Sarri: "Ronaldo? Ci soffriva un po'..."

Maurizio Sarri si gode il poker nel derby. "Siamo andati in vantaggio velocemente e abbiamo raddoppiato subito. Forse ci siamo un po' illusi e il rigore ci ha fatto innervosire. All'inizio del secondo tempo abbiamo avuto una fase un po' confusionaria, poi è venuta fuori la nostra qualità.

Guardando i primi minuti sembrava dovesse finire tanti gol a poco, alla fine è stato così..." .

Le parole di Sarri

"Nella metà campo avversaria forse abbiamo lasciato troppo la palla scoperta, a centrocampo in certi momenti non ci siamo mossi benissimo e loro ci infilavano con i loro due trequartisti tra le linee.

Dybala? Abbiamo un buon rapporto. Schietto e diretto. Io non ho mai avuto nessun tipo di dubbio su di lui. L'anno scorso ha segnato poco, ma è stata solo una stagione sfortunata. Ci diciamo sempre ciò che pensiamo.

Io lo sto portando piano piano alla convinzione che deve giocare più vicino a Ronaldo e all'area avversaria, senza andare a prendersi sempre palla nella nostra metacampo" Sul primo gol di Ronaldo su punizione.

"Pensavo che non ci stesse troppo male, ma alla fine mi ha detto 'finalmente', quindi probabilmente un po' ci soffriva" "Cuadrado mmi ha sorpreso per l'applicazione e la voglia di sacrificarsi a giocare sulla linea difensiva.

Quando facciamo gli allenamenti di reparto si allena con una concentrazione straordinaria. È diventato un buon difensore mantenendo le sue qualità fisiche e tecniche" Buffon intanto ha superato Maldini nella classifica dei giocatori con più presenze in serie A.

"Se è a rischio anche il record di Del Piero con la maglia della Juve? (705 presenze a 670 tra tutte le competizioni, ndr). Mi sa di sì..." . Fabio Paratici, direttore sportivo dei della Juventus, ha intanto parlato del passaggio di Miralem Pjanic al Barcellona per 60 milioni più bonus: "Esiste la programmazione e poi ci sono le opportunità.

In questo caso subentrano entrambe. Pjanic per noi è importante, quando si è presentata questa opportunità abbiamo parlato con lui, che ci ha risposto che l'unico club in cui sarebbe potuto andare per coronare la sua carriera sarebbe stato il Barça.

Arthur lo seguivamo da tempo, è più giovane di Pjanic, ed è stata un'operazione finanziariamente buona" Ora la palla passa a Sarri...