Sarri: "Nessuna paura dell'Inter"

Il tecnico bianconero parla in conferenza stampa

by   |  LETTURE 255
Sarri: "Nessuna paura dell'Inter"

La Juventus riceve il Parma per la 20esima giornata del campionato di Serie A. Maurizio Sarri è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia dell'incontro con i gialloblù e ha dichiarato: "Difficile rinunciare al tridente contro il Parma? Intanto vorrei spendere un ricordo per Anastasi, un giocatore che ha dato tantissimo a questo club eal calcio italiano.

Una dellee prime partite che io ricordi è la finale degli Europei del '68 e lui era un protagonista, quindi prima di parlare di altro vorrei ricordare questo grande giocatore, mi hanno detto che è stato anche un grande uomo.

Tornando alla domanda, preferisco avere difficoltà di questo tipo. Vediamo come stanno oggi e poi decidiamo" Poi, su De Ligt: "De Ligt può giocare tre partite consecutive? Lo ha fatto a inizio stagione, penso che lo possa fare anche ora che si trova in un periodo in cui ha riposato di più.

Vedremo come starà oggi, Bonucci ha riposato e Rugani ha dimostrato di essere pronto, quindi non ci sono problemi" "In Inghilterra avrei giocato sempre con il tridente? A volte non l'ho fatto nemmeno in Inghilterra, in certe partite Hazard ha giocato da centravanti.

Gli equilibri si trovano con le situazioni, l'importante è essere equilibrati e non essere in condizione di rischiare. La difficoltà a schierare il tridente è spesso legata a questa. Solo Higuain ha un ruolo ben preciso, gli altri due sono giocatori istintivi che non hanno una collocazione ben precisa in campo, quindi c'è da trovare sempre un equilibrio"

Poi, sul Parma: "Il Parma è a un punto dall'Europa, giovedì ha fatto riposare i titolari e quindi sarà in buone condizioni. È una squadra pericolosa che ha fatto buoni risultati anche in trasferta.

Dovremo essere estremamente attenti per non concedere ciò che loro sanno fare meglio. Punti deboli del Parma? Non ne hanno molti, a livello difensivo sono una squadra molto solida e hanno tanti giocatori fisici come ad esempio Kucka e Kurtic.

Poi hanno attaccanti di livello come Kulusevski, Inglese o Gervinho, anche se non si sa se quest'ultimo sarà della partita. Si tratta di una squadra di un certo livello, sono pericolosi e meritano la classifica che hanno"

Un commento su Kulusevski: "Possibilità di portare subito Kulusevski a Torino? Bisognerebbe chiedere al direttore, ma direi di no. Domani spero di non vederlo, spero doi vederlo bene tra 6 mesi"