Il cugino di Pochettino apre alla Juve:"Si potrebbe fare"

"E' attratto dall'Italia, tutti in famiglia lo vorremmo vedere in bianconero".

by   |  LETTURE 496
Il cugino di Pochettino apre alla Juve:"Si potrebbe fare"

Da pochi giorni è arrivata l'ufficialità sul divorzio a fine stagione tra Massimiliano Allegri e la Juventus. Da subito si è scatenato il toto-allenatori per il nuovo tecnico dei bianconeri, che dovrà far breccia nei cuori dei bianconeri nel continuare a vincere in campionato ma soprattutto in Europa, con la tanto ambita Champions League.

Tra i tanti nomi fatti per la panchina bianconera c'è anche quello di Mauricio Pochettino, atteso dalla finale di Champions League che il suo Tottenhamgiocherà al 'Metropolitano' di Madrid contro il Liverpool.

TuttoJuve ha intervistato il cugino Daniele, di origini piemontesi e juventino, riguardo un eventuale approdo del tecnico argentino in Italia: "Secondo me può essere una ipotesi fattibile, perché Mauricio è un allenatore che ha dimostrato di saper lavorare bene e la finale ottenuta con il suo Tottenham è un chiaro esempio.

Se la giocherà come in tutte le partite, per me è l'anno giusto per trionfare. L'ho incontrato qualche mese fa, ho conosciuto una persona molto simpatica e disponibile. L'obiettivo dei bianconeri è, chiaramente, la Champions League e mio cugino è in possesso di tutte le qualità utili per poter allenare questo club"

Al cugino è stato anche chiesto se gli screzi dell'anno scorso dopo gli ottavi di Champions possano rappresentare un ostacolo: "No, credo che la polemica dell'anno scorso sia nata e conclusa in quel frangente.

Non ci sarebbe nessun tipo di attrito, a volte gli inglesi hanno la tendenza a ricordare episodi del passato esattamente come lo facciamo anche noi. La Juve cerca un profilo vincente e Mauricio ha questa attitudine, come stile è un po' quello di Conte perché fa dell'agonismo e dell'intensita le sue armi vincenti"

Secondo il cugino, Pochettino sarebbe attratto dalla destinazione italiana: "E' attratto sicuramente dall'Italia, ci ha proprio detto che vorrebbe venire nel nostro paese per ritrovare i suoi avi. Abbiamo parlato anche della cucina piemontese, la vorrebbe riprovare.

La voglia c'è, ma onestamente non so se può convincerlo. Bisogna sempre vedere che cosa gli verrebbe eventualmente proposto, la decisione chiaramente spetta a lui. Noi, nel caso in cui dovesse accettare la Juve, lo accoglieremo a braccia aperte"