Matteo Renzi e la chiamata ad Agnelli dopo l'arrivo di Ronaldo

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport l'ex Premier del Consiglio Matteo Renzi ha espresso la sua felicità e il suo stupore per l'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus

by   |  LETTURE 349
Matteo Renzi e la chiamata ad Agnelli dopo l'arrivo di Ronaldo

Intervistato dalla Gazzetta dello Sport l'ex Premier del Consiglio Matteo Renzi ha espresso la sua felicità e il suo stupore per l'arrivo di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Parlando prima della partita poi persa dalla sua Fiorentina per 3-0 contro i bianconeri, Renzi ha detto: “Non immagi­navo che Andrea Agnelli fa­cesse il col­ po Cristiano Ronaldo.

Quando è stato ufficiale, l’ho chiamato per i complimenti. Da tifoso av­versario irriducibile rosico, da amante del pallone dico che CR7 è positivo per il nostro cal­cio”. E’ più facile che la Juve vinca la Champions o che la Fiorentina conquisti un posto nelle Coppe? «Stesse possibilità: si intuisce cosa preferirei io, no?».

Pjaca e Bernardeschi: “Talento da vendere: sarebbe un bel regalo di Natale anticipa­to se ci mostrasse la sua classe proprio contro la Juve. Del re­ sto, lo scorso hanno l’ha sbloc­cata Bernardeschi con il gol del­ l’ex.

Potremmo restituire la cor­tesia con Pjaca. Bernardeschi è un signor pro­fessionista. In molti hanno fatto battutacce su di lui quando la Juve lo ha preso, dicendo che era stato pagato troppo. Quei soldi, purtroppo, li vale tutti.

Al Franchi è stato fischiato dal primo minuto e ha giocato con professionalità e carattere: non riesco a parlarne male, anche se purtroppo indossa la maglia a strisce. Allegri è molto intelli­gente e lo considero un signor allenatore: spero che i viola gli facciano rimangiare quella fra­ se con una bella vittoria».