L'Imperatore Adriano? Disoccupato, ora vende ville per sopravvivere...

Curiosa notizia del Brasile

by   |  LETTURE 5064
L'Imperatore Adriano? Disoccupato, ora vende ville per sopravvivere...

C'era una volta in cui Adriano era davvero un Imperatore. Col pallone tra i piedi comandava lui. Non a caso, nella top 15 (clicca qui per vedere) dei gol dell'Inter che abbiamo pubblicato ieri, c'era la sua bomba su punizione al Bernabeu e un paio di sue serpentine in cui sembrava leggero come una piuma.

E non lo hanno dimenticato neanche i tifosi del Parma e della Fiorentina (un po' meno quelli della Roma, dove arrivò già un po' appesantito). Oggi, invece, Adriano supera abbondantemente i 100 chili, fatica a stare lontano dalle brutte compagnie, spesso passa le serate in discoteca e ne esce decisamente alticcio.

Per tutti questi motivi, non a caso, è rimasto senza squadra. A soli 32 anni, dopo una recente e fugace esperienza all'Atletico Paranaense (contratto a gettone, 4 presenze e 2 gol), l'Imperatore oggi è in attesa di una chiamata e sogna quella del Flamengo, dove è passato due anni fa senza mai riuscire a scendere in campo, o un ritorno in Italia (si era parlato di Catania).

In pratica non è più un calciatore professionista dal 2010, quando a soli 30 anni ha lasciato il Corinthians e si è definitivamente perso. Il suo stile di vita esagerato e le persone poco raccomandabili di cui si è circondato, non lo hanno certamente aiutato dal punto di vista economico.

I mancati ingaggi e le spese folli oggi lo costringono ora a rivedere le sue abitudini, a rinunciare al lusso sfrenato e stringere la corda. Per questo, secondo il quotidiano brasiliano Extra, l'Imperatore avrebbe deciso di vendere la sua supervilla di Rio, nella zona residenziale di Barra da Tijuca.

L'idea è quella di sfruttare le quotazioni che in alcuni quartieri sono andate alle stelle, ridimimensionarsi, acquistare un appartamento più a buon mercato in aree più economiche e mettere da parte qualche soldo in questi difficili momenti da disoccupato. In attesa, e nella speranza, di tornare presto Imperatore.