Inzaghi: "Benevento, 2020 anno strepitoso"



by   |  LETTURE 214

Inzaghi: "Benevento, 2020 anno strepitoso"

Pippo Inzaghi si gode il 2020 da favola del suo Benevento, vittorioso in casa dell'Udinese: “Durante la partita ho capito che potevamo farcela. Ringrazio questi ragazzi perché mi hanno fatto passare un anno strepitoso, ricco di record in Serie B e affrontando a testa alta questa Serie A.

Sono molto felice per il presidente e per il direttore che hanno creduto in me. L’anno è stato incredibile, ma alla ripresa dovremo rimboccarci le maniche perché non abbiamo fatto ancora molto”. "Venivamo da sei partite giocate bene, abbiamo un po’ pochi cambi e non sapevo la squadra come potesse reagire.

Affrontavamo centrocampisti e attaccanti in grado di metterci in grossa difficoltà se non affrontati in un certo modo, ma i miei ragazzi mi rendono orgoglioso. Lo spirito battagliero è rimasto anche contro queste squadre così importanti”.

“All’esonero di Maran ho riflettuto, l’anno scorso è partito molto bene e poi è calato, guai quindi a montarci la testa. Rimbocchiamoci le maniche e manteniamo questo spirito battagliero per tutto il campionato”, ha concluso Inzaghi.

Simone Inzaghi è invece deluso dalla sconfitta col Milan. "Un risultato bugiardo per quello che si è visto in campo, siamo venuti qui con tanti problemi di formazione e di uomini. Abbiamo tenuto il campo nel migliore dei modi e meritavamo di più.

Peccato perché abbiamo concesso 2 gol da palle inattive e un gol su rigore. Abbiamo dominato a San Siro e deve essere stimolante, anche se il risultato non rispecchia l'andamento della partita" "Dopo il 2-2 avevamo la partita in mano e dovevamo prestare più attenzione, sapevamo che avevamo di fronte una grande squadra.

Mi dispiace per i ragazzi che hanno fatto un'ottima gara, ma bisogna fare più attenzione e dobbiamo lavorare meglio di squadra. Non credo sia un problema solo dei difensori, perché contro il Napoli non avevamo rischiato niente.

Ci manca qualche punto ma sono convinto che li faremo e recupereremo i giocatori importanti. Sono dispiaciuto del risultato, ma dobbiamo ripartite dalla prestazione" Stefano Pioli si è lasciato andare dopo la vittoria sulla Lazio: "Quando vinci così una partita così importante è giusto festeggiare insieme.

Sapevamo di dover fare un grande sforzo e ci siamo riusciti, sono orgoglioso della mia squadra che sta facendo qualcosa di importante" "Un campione come Ibrahimovic manca sempre, è vero e ne siamo consapevoli; però stiamo sfruttando bene le nostre caratteristiche.

La Lazio ha preso il controllo del gioco, ma è colpa mia che ho abbassato troppo la squadra, poi va anche dato merito all'avversario" "Il merito è del club che ci mette nelle condizioni di lavorare al meglio possibile e di un'area tecnica che mi ha messo a disposizione un gruppo di ragazzi forte.

Non siamo perfetti e sappiamo di poter crescere ancora molto, ci sta che ogni tanto si possa subire qualcosa, ma sappiamo compattarci. Abbiamo ampi margini di miglioramento, ma è ovvio che spero di avere tutta la rosa a disposizione il prima possibile perché le rotazioni stanno venendo a mancare.

Siamo contenti di dare soddisfazione ai nostri tifosi, sentiamo molto il loro calore" "Mercato? Ci pensa l'area tecnica che ha già dimostrato di essere competente. Se ci sarà l'occasione miglioreremo l'organico, ma sono contento del mio gruppo.

La passione e il fuoco che abbiamo dentro sta facendo la differenza e si vede anche tra i giocatori che ho schierato meno come Krunic che ha fatto una grande partita contro una squadra molto aggressiva e un avversario come Milinkovic Savic.

Lui e Tonali hanno fatto una bella partita di sostanza, attenzione e intensità" "Stiamo vincendo tante partite perché i giocatori che ho sono forti e non li cambierei con nessun altro. Ok lo spirito, ma serve la qualità e ce l'abbiamo.

Hakan è fantastico, sa fare tantissime cose e si sacrifica molto. Sta dimostrando di essere un giocatore di grande livello. Ha la volontà di rimanere, ma c'è una trattativa in corso e ognuno farà la sua parte.

Io, il club e il ragazzo vogliamo la stessa cosa e spero che troveremo l'accordo. Puntiamo su di lui", ha concluso Pioli dopo Inzaghi.