Inzaghi: "Io non posso dire nulla ai ragazzi"



by   |  LETTURE 201

Inzaghi: "Io non posso dire nulla ai ragazzi"

Pippo Inzaghi si gode il pareggio con la Lazio del fratellino Simone. "Mancanza di freddezza? Io non posso dire niente a questi ragazzi, sarebbe cercare il pelo nell'uovo perché sono fantastici, mi stanno regalando sensazioni incredibili.

Dopo aver visto la Lazio nel primo tempo pensavo fossero extraterrestri, invece siamo riusciti a fare sette tiri in porta contro una squadra tra le top 16 d'Europa. Mi stanno sorprendendo e mi stanno facendo essere incredibilmente orgoglioso.

Giocare così da matricola in Serie A... Io ci speravo, ma loro stanno andando oltre"

Le parole di Inzaghi

"Le emozioni sono tante, perché io sono il suo primo tifoso, esulto a ogni gol che fa la sua squadra.

Oggi ho trovato una foto di quando eravamo giovani a Piacenza, quando andavamo nell'antistadio a farci la foto col cuscinetto della squadra, che giocava in C1. Questo è il bello del calcio, è la sua essenza.

La sera prima della partita ci siamo sentiti, di solito ci chiediamo tutto delle rispettive squadre, ieri eravamo un po' in imbarazzo... Penso che nessuno dei due oggi abbia esultato ai rispettivi gol, per quanto ci vogliamo bene"

Simone Inzaghi è deluso dal pareggio di Benevento: "Abbiamo provato a vincere la partita in tutte le maniere. A fine primo tempo non dovevamo prendere quel gol, anzi, avremmo dovuto fare il secondo. Il Benevento è una squadra in salute, sempre compatta e difficile da affrontare.

Noi siamo stanchi, ci mancano energie sia fisiche che mentali, ma non si può andare al riposo sull’1-1 dopo un primo tempo giocato come abbiamo fatto noi" "Il tridente? Può essere un’opzione.

Dopo il primo tempo non mi andava di toccare l’assetto perché stavamo facendo bene. Ho tolto Luiz Felipe solo per l’ammonizione, ero felice di quanto stavamo facendo. I tre cambi finali sono entrati bene, volevo aumentare il peso dell'attacco"

"Luis Alberto? Secondo me ha fatto una grande cara, ricordiamoci che era fermo dalla partita di Bruges. Ha fatto mezzo allenamento, ha giocato molto bene, ha dato un grande contributo alla squadra. Gli ho chiesto un sacrificio e non mi aspettavo tenesse 80 minuti"

"Veniamo da un tour de force, abbiamo un calendario incredibile e siamo sempre al limite, rischiando di perdere dei calciatori come è successo con Fares, Acerbi e Immobile. La pausa sarà di 10 giorni, proveremo a recuperare. Oggi torniamo a casa con un punto, che di certo non ci basta", ha concluso Simone Inzaghi.