Mihajlovic: "La mia leucemia ha riunito tutti"



by   |  LETTURE 213

Mihajlovic: "La mia leucemia ha riunito tutti"

Il tecnico del Bologna Sinisa Mihajlovic in una intervista a Radio 105 ha parlato della malattia che l'ha colpito nei mesi scorsi. "Io sono sempre stato uno che divideva, non sono mai stato uno che univa e me ne prendo tutte le responsabilità.

Con questa malattia praticamente sono riuscito a riunire tutti, anche quelli che mi dicevano 'zingaro di m..' . All'inizio devo dire la verità che mi piaceva, ero contento. Poi mi sono detto: Ma così è tutto piatto, non posso andare allo stadio che mi applaudono tutti"

Le parole di Mihajlovic

l"Mi ha aiutato molto essere uno sportivo, io sono un malato di regole di disciplina, anche perché sono cresciuto in un Paese dove la disciplina era fondamentale, perciò essendo disciplinato ed essendo anche un soldatino facevo tutto quello che c'era bisogno di fare per quanto riguarda le cure, io combattevo tutti i giorni, il mio obiettivo fin dall'inizio era che io dovessi sconfiggere questa brutta malattia.

Io ho fatto del mio, però il merito va ai dottori. Io ci ho messo la mentalità e la voglia di vivere, di combattere, di lottare. Come allenatore io questa mentalità la posso anche imprimere alla squadra che dirigo.

Essere calciatore ed essere allenatore sono due cose completamente diverse: da calciatore pensi solo a te stesso, vai in campo, ti alleni e torni a casa; da allenatore devi pensare a 25, 30 giocatori, devi trovare la formula giusta"

"Anche durante la malattia sono sempre stato presente, non c'è mai stato un distacco e anche questo mi ha aiutato molto nelle giornate interminabili in ospedale: seguivo tutti gli allenamenti, ero collegato e mi serviva anche per arrabbiarmi con lo staff, con i giocatori, mi tenevano in vita.

Quando uscivo, quei 7, 8 giorni per prendere fiato e aspettando di fare le cure successive, andavo allo stadio, ho guidato la squadra, non ho voluto mai darla vinta alla malattia" "Coronavirus? Non va sottovalutato.

Ero fortunatamente asintomatico, sono stato 16 giorni chiuso in isolamento. Io con questa c... di leucemia ho perso il gusto e di tutto quello che mangiavo non sentivo nulla, sembrava che mangiassi un pezzo di cartone - ha spiegato - Dopo 2 giorni che ho preso covid mi è tornato il gusto io.

Per 16 giorni ho mangiato tantissimo, colazione, pranzo e cena perché non mi sembrava vero di sentire i gusti. Sono aumentato di 4 kg e dopo mi sono dovuto mettere a dieta perche' non mi piace non essere in forma", ha concluso Mihajlovic.