Mancini: "Vinceremo noi la Nations League"



by   |  LETTURE 247

Mancini: "Vinceremo noi la Nations League"

Sarà la Spagna l’avversaria della Nazionale di Roberto Mancini nella semifinale della UEFA Nations League in programma nell’ottobre del 2021. E’ questo l’esito del sorteggio che si è tenuto a Nyon al termine del Comitato Esecutivo UEFA, che ha confermato l’assegnazione all’Italia della Final Four.

Il 6 ottobre gli Azzurri affronteranno quindi le Furie Rosse allo stadio ‘Giuseppe Meazza’ di Milano, mentre il giorno seguente lo ‘Juventus Stadium’ di Torino ospiterà l’altra semifinale tra Belgio e Francia.

La finale si disputerà al ‘Meazza’ il 10 ottobre, nello stesso giorno in cui a Torino andrà in scena la ‘finalina’ per il terzo posto. Dopo il Campionato Europeo posticipato all’estate 2021, che vedrà lo stadio Olimpico di Roma come teatro della gara inaugurale e di altre tre partite, l’Italia tornerà quindi ad ospitare un altro prestigioso evento calcistico internazionale.

La possibilità di organizzare la Final Four era strettamente legata alla qualificazione degli Azzurri alla fase finale del torneo, una qualificazione conquistata dopo aver chiuso al primo posto il Gruppo 1 della Lega A a quota 12 punti, frutto di tre vittorie e altrettanti pareggi (7 gol realizzati, 2 subiti), con l’Italia capace di mettersi alle spalle Paesi Bassi, Polonia e Bosnia Erzegovina.

Le parole di Mancini

“Sarà una Final Four spettacolare e molto aperta – avverte Roberto Mancini nella conferenza stampa online con i media italiani e stranieri – si affronteranno quelle che in questo momento probabilmente sono le quattro migliori nazionali d’Europa.

E alla fine vinceremo noi”. Il primo ostacolo in semifinale sarà la Spagna: “E’ come noi, ha cambiato diversi elementi e tenuto qualche giocatore esperto e forte come Sergio Ramos. E’ riuscita a rimettere in pedi una nazionale molto forte, con un gioco più verticale rispetto al passato, ma comunque molto tecnico, con esterni veloci che danno imprevedibilità.

Sarà una partita molto bella”. Il Ct spera che a Milano e Torino il pubblico possa essere l’arma in più per gli Azzurri: “Mi auguro che i tifosi tornino sugli spalti già a marzo per le qualificazioni mondiali e a giugno per l’Europeo. Il Calcio ha bisogno di loro”.