Gasperini: "Nazionali, così è complicato"



by   |  LETTURE 255

Gasperini: "Nazionali, così è complicato"

Gian Piero Gasperini è deluso dopo lo 0-0 con lo Spezia. "Non era mai successo che i giocatori tornassero venerdì per giocare sabato. E' una grande difficoltà e non è una cosa ottimale, ma non possiamo farci niente"

Le parole di Gasperini

"Sono partite non facili, la squadra di Italiano stava benissimo. Noi siamo stati attenti in difesa e abbiamo creato diverse situazioni pericolose, ma non siamo riusciti a segnare. Tecnicamente non abbiamo fatto bene, ma abbiamo fatto il nostro"

"Giocare per il proprio Paese è uno stimolo per i giocatori, ma non è mai successo che tornassero il venerdì per giocare sabato. E' complicato così. Stiamo vivendo un momento difficile per tanti motivi, per le soste, per non aver fatto il precampionato e altro.

Otto giocatori dopo l'Inter li ho rivisti solo ieri, quattro li ho fatti giocare e gli altri li ho lasciati a casa" "L'Atalanta non ha cambiato il proprio target che è quello di prendere giocatori di prospettiva da valorizzare, ci sono troppe aspettative.

Ampliare la rosa non significa rinforzarla, ma allargarla e noi stiamo facendo un buon percorso. Oggi ho scelto gli 11 che stavano meglio" Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, ha parlato del futuro della Nazionale.

"Siamo legati a Mancini da due anni di contratto. Certo che ho pensato ad allungare. Attendo notizie da lui" "Si gioca troppo? Il ritmo credo sia sempre lo stesso, ma in questo momento forse si è esasperati da questa pandemia.

Posso dire che dopo questo weekend concederemo un momento di tregua ai nazionali, visto che non giocheremo fino a marzo. Ma credo anche che se la Nazionale rappresenta un patrimonio di questo Paese, in grado di testimoniare speranza, non dovremmo spegnerla.

Anzi, dobbiamo alimentarla facendo in modo magari di conciliare gli impegni anche attraverso alcune piccole modifiche di forma laddove possa essere necessaria" "Salvare il calcio? Sarà compito della Federazione lavorare di comune accordo coi presidenti delle varie componenti.

È giusto andare incontro ai più deboli e a chi soffre di più. Credo che raggiungeremo insieme un risultato. Esistono tanti settori economici in difficoltà nel nostro ci sono proprietà e società che stanno mettendo all'interno del mondo del calcio grandi sacrifici.

Solo alcuni club, una percentuale inferiore a quella che si puo' immaginare, hanno chiesto il rinvio del pagamento degli stipendi al 1° dicembre. Si prospettano momenti di difficoltà, ma anche di idee e progetti che possono offrire soluzioni a momenti duri", ha concluso Gravina, prima di Gasperini.