Mihajlovic: "Con la leucemia ho avuto paura"



by   |  LETTURE 251

Mihajlovic: "Con la leucemia ho avuto paura"

Sinisa Mihajlovic, tecnico del Bologna, si è raccontato in una lunga intervista al Corriere della Sera. "Ammalarsi non è una colpa, succede e basta. La verità è che non sono un eroe e neppure Superman.

Parlavo così perché avevo paura"

Le parole di Mihajlovic

"Chi non ce la fa, non è un perdente. Non è una sconfitta, è una maledetta malattia. Adesso mi godo ogni momento, prima non lo facevo e davo tutto per scontato.

La malattia mi ha reso un uomo migliore. Sono un uomo che cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno. Gli applausi e l'affetto mi hanno aiutato molto. Ma ora basta. Non vedo l'ora di tornare a essere uno zingaro di m..."

. "Sono un uomo controverso, divisivo. E ci ho messo del mio. Ma se faccio una cazzata, mi prendo le mie responsabilità. Arkan? All'inizio forse ero attratto dal fascino del male, ma poi diventammo grandi amici. Non condividerò mai quel che ha fatto, ma non posso rinnegare un rapporto che fa parte della mia vita"

"Una cosa che non rifarei? Ottobre 2000, Lazio-Arsenal di Champions League. Da quando gioco a calcio ho dato e preso sputi e gomitate e insulti. Succede anche con Vieira. Gli dico 'nero di m...' Tre giornate di squalifica.

Sbagliai, e tanto. Lui però mi aveva chiamato zingaro di m... per tutta la partita. Per lui l’insulto era zingaro, per me era m... Nei confronti di noi serbi, il razzismo non esiste" "Finale di Coppa di Jugoslavia 1990.

Perdiamo contro l’Hajduk Spalato, gol di Boksic. Prima della partita, nel tunnel che porta al campo, Igor Stimac, croato, mio compagno di stanza nella nazionale giovanile mi dice: “Prego Dio che i nostri uccidano la tua famiglia a Borovo”, che è il paese dei miei genitori"

"Volevo dare un messaggio con il mio libro. Non ci si deve vergognare della malattia. Bisogna mostrarsi per quel che si è. Volevo dire a tutte le persone nel mio stato, ai malati che ho conosciuto in ospedale di non abbattersi, di provare a vivere una vita normale, fossero anche i nostri ultimi momenti", ha concluso Mihajlovic.