Gattuso: "Maradona? Lo aspettiamo da noi"



by   |  LETTURE 303

Gattuso: "Maradona? Lo aspettiamo da noi"

Rino Gattuso è concentrato sulla sfida in Croazia contro il Rijeka: "Sconfitte come quelle contro Sassuolo e AZ in cui ci tirano pochissimo in porta devono bruciare. Sarà una sfida difficile e dobbiamo pensare a noi stessi, tutti.

Di scudetto non parliamo noi, lo fanno all'esterno. Noi dobbiamo pensare a lavorare molto durante la settimana e migliorare" "Insigne si sta allenando con noi, ma non è al 100%. Già il fatto che sia qui con noi è importante perché è il nostro capitano, non è un giocatore come gli altri e ci deve dare qualcosa anche nei momenti più difficili"

"Osimhen è forte, ma deve stare più tranquillo quando va faccia a faccia con gli avversari o quando protesta platealmente con gli arbitri. Dries in questo momento fatica a fare gol, ma le palle gol le ha, quindi non sono preoccupato.

Non è il solito cecchino, ma stiamo lavorando bene" Chiosa su Maradona: "Gli avevo fatto gli auguri per i 60 anni, che dire... Lo aspettiamo a braccia aperte, non solo noi a Napoli, ma tutti gli italiani e non solo.

Lo aspettiamo a Castel Volturno. Gli auguriamo il meglio, ma lui è forte, ne ha passate tante.Un grande in bocca al lupo, lo aspettiamo da noi, dove ha scritto la storia" Gennaro Gattuso è deluso dalla sconfitta col Sassuolo: "Abbiamo avuto tante occasioni ma non le abbiamo sfruttate.

Il Sassuolo è una squadra che ti fa correre tanto perché palleggia molto bene, noi abbiamo fatto una buona gara ma forse abbiamo avuto troppa frenesia. La trattenuta su Osimhen? Se l'arbitro non è andato al Var è perché l'ha vista così, ma noi dobbiamo parlare della partita.

Questo episodio ci può stare, non sta a noi giudicare l'operato degli arbitri" "Prima del rigore la squadra dava la sensazione di poter fare gol, non ricordo azioni in cui ci hanno messo in difficoltà prima di quell'episodio.

I cambi? Abbiamo dato minuti a Elmas e Zielinski che devono tornare a giocare. Dobbiamo continuare a lavorare e migliorare, cercando di mettere Osimhen in condizione di segnare, senza pensare allo scudetto o a quello che dicono in giro.

È un campionato difficile, tutte le partite lo sono. Io però vedo una bella squadra, ci può stare non avere la stessa brillantezza delle prime partite. Quando si parla di rinnovo poi non ne vinco una", aveva concluso Gattuso.