Gattuso: "Serve più veemenza e più fame"



by   |  LETTURE 251

Gattuso: "Serve più veemenza e più fame"

Gennaro Gattuso è ovviamente deluso e arrabbiato dopo l'esordio in Europa League. "Non dovevamo perdere, il possesso palla va bene, ma è stato sterile. Ci vuole più veemenza e più fame, oggi abbiamo giocato poco senza palla.

Abbiamo complicato il cammino e ora non possiamo sbagliare più. Forse abbiamo preso troppi complimenti dopo l'ultima partita con l'Atalanta..." .

Le parole di Gattuso

"Potevamo starci una giornata oggi, non avremmo segnato: la sensazione era questa.

Abbiamo preso mezzo tiro in porta e l'abbiamo persa. Abbiamo fatto un possesso palla sterile, facendo il solletico agli avversari. Dovevamo giocare meglio senza palla, per il resto abbiamo fatto quello che dovevamo. Noi abbiamo comandato la partita, ma negli ultimi 10-15 metri potevamo fare meglio.

Quando succedono queste cose legate al Covid, vengono sempre fuori le motivazioni. L'AZ non ha mai difeso così. Di solito fa gioco, invece è venuto qui solo a difendersi, facendo una partita di gran mentalità.

Ogni partita è una storia a sé, il bello del calcio è questo. Tra tre giorni abbiamo la possibilità di rifarci" "Abbiamo concesso un solo tiro più quello del gol. Non c'è stata la sensazione che potessimo prendere ripartenze.

Questo tipo di partite esiste, è un'altra competizione. Che ci serva da lezione. Il fatto che manca Zielinski o Elmas fa mancare qualcosa, ma rifarei tutto perché la prestazione mi è piaciuta. Non è una questione di stanchezza.

Questa squadra deve trovare la via del gol, quando gioca così, perché poi è chiaro che si va a rischiare" Rino Gattuso è tornato a parlare di Juventus-Napoli. "Ho rosicato più di tutti a non aver giocato la sfida contro i bianconeri.

Sono la squadra da battere, ma al momento sono un cantiere aperto e potevamo andare a giocarcela perché la squadra è in forma, e lo ha dimostrato. Sono arrabbiato perché non ci hanno fatto partire"

"Sono arrabbiato perché non ci hanno fatto partire, alle sette meno cinque eravamo sul pullman. Chi ci ha detto che non volevamo partire non ha detto la verità, al massimo perdevamo 3-0. Quando parlo io parlo con la società, il presidente, il direttore Giuntoli, Chiavelli.

Quando ho parlato con la società sono rimasto che la partita si doveva giocare, tranquillamente" "Con me l’aspettavo, so che tipo di squadra è l’Atalanta. Osimhen ti da una grandissima mano.

Ho visto grande mentalità e determinazione. L’Atalanta può vincere il campionato, un’altra squadra ne avrebbe preso 6 o 7 mentre non ha preso imbarcate. E’ presto per dire se una svolta: combattiamo con il Covid, abbiamo due giocatori importanti fuori.

Bakayoko non giocava da 7 mesi, la squadra è forte ed ha identità, deve filare tutto nel verso giusto. Osimhen? Sono contento e soddisfatto. A Parma ce l'ha fatta vincere lui, ci dà tante soluzioni e sono contento per il gol che ha fatto", ha concluso Gattuso.