Perin: "Ho ricevuto attacchi insignificanti"



by   |  LETTURE 218

Perin: "Ho ricevuto attacchi insignificanti"

Mattia Perin non ci sta: "Ho ricevuto degli attacchi insignificanti. Siamo giocatori, ma siamo persone normali. Questa è una malattia subdola perché non sai dove la prendi. Mi hanno dato fastidio i soliti cliché nei nostri confronti e non mi sono ritrovato in ciò che è stato detto: ogni tanto bisogna alzare la testa e dire ciò che pensiamo.

Ci siamo stufati di passare per quelli superficiali. Siamo persone come tutti, affrontiamo le cose con umiltà e dignità"

Le parole di Perin

"Il pareggio di Verona? Questo risultato ha un solo nome, 'squadra'

Abbiamo passato un periodo difficile, alcuni, me compreso, si sono allenati poco. Però bbiamo deciso di non avere alibi e di provare a non ripetere la stagione dell'anno scorso. Dentro di noi deve nascere la voglia di sorprendere", ha concluso Perin.

Vincenzo Spadafora, ministro delle Politiche Giovanili e lo Sport, ospite de l'Aria Che Tira su La7, è tornato a parlare del caso Ronaldo, con il portoghese della Juventus ancora positivo al Covid ma già tornato in Italia e in particolare a Torino.

"Il messaggio che dovrebbero dare i campioni è rispettare le regole, io ho detto quello che pensavo su Ronaldo anche se ha milioni di follower sui social. I grandi campioni si sentono al di sopra di tutto, quando ha lasciato l'Italia per andare in Portogallo ha violato il protocollo ed è un dato oggettivo.

Non a caso e stato aperto un fascicolo dalla Procura della Repubblica, su segnalazione della ASL e di conseguenza anche dalla Procura sportiva" "Il calcio è un'industria molto importante, ma non è che non deve rispettare le regole.

Che ce la si possa fare sì, che si arrivi fino in fondo non lo so. È una situazione particolare, di questo deve essere consapevole anche la Lega di Serie A e pensare già ad un piano B o piano C. Io difendo la linea del protocollo che funziona, se viene rispettato.

Poi se qualcuno non lo rispetta..." "Venerdì pubblicheremo un protocollo ancora più rigido per la pratica sportiva, in particolare in tema di distanziamento sociale e uso della mascherina anche durante lo svolgimento di alcune attività", ha annunciato infine il ministro delle Politiche Giovanili e lo Sport.

"De Luca su Juve-Napoli? Inviterei De Luca ad occuparsi del sistema sanitario campano, che non mi pare abbia fatto granché" Duro Vincenzo Spadafora dagli studi de l'Aria Che Tira: "La Campania è la mia regione, sono molto preoccupato, è stato facile chiudere e per De Luca farsi pubblicità.

Però ora non sta reagendo il sistema dei trasporti e quello sanitario, di cui era responsabile la Regione. De Luca ha fallito? Mi sembra evidente", ha concluso il suo intervento il ministro delle Politiche Giovanili e lo Sport Spadafora, dopo l'intervista di Perin.