Gasperini: "Con il Napoli divario notevole"



by   |  LETTURE 221

Gasperini: "Con il Napoli divario notevole"

Il tecnico dell'Atalanta Gian Piero Gasperini ha parlato dopo la brutta sconfitta del San Paolo. "Il Napoli ha fatto una prestazione di alto livello, la nostra invece è stata di basso livello. Il divario è stato notevole, a questo aggiungiamo dei gol presi in maniera evitabile.

Questo è il frutto di un risultato che ci sta tutto. Prendiamo questa gara come campanello d'allarme in vista delle prossime gare a partire dalla sfida in Champions League. Ilicic? Il ragazzo sta bene, si è mosso bene.

Giocando troverà una maggiore condizione e una squadra che lo supporterà meglio"

Le parole di Gasperini

"Abbiamo avuto problemi sotto ogni punto di vista, abbiamo sofferto il Napoli e subito dei gol anche evitabili.

Questo ha compromesso la possibilità di riaprire la gara. Oggi è stata una giornata così, vediamo come riprenderci. Non ho mai detto che lotteremo per lo scudetto ma che dobbiamo giocare e vedremo strada facendo.

L'anno scorso eravamo la quinta difesa e avevamo il primo attacco, infatti siamo arrivati terzi. Ci sono gare come quella di oggi in cui si incontrano attaccanti forti e se riesci a tenere va bene, altrimenti rischi di deprimerti.

Solo qualche mese fa abbiamo vinto a Bergamo col Napoli, concedendo pochissimo. Oggi abbiamo avuto problemi globali" Gasperini aveva parlato della sua Atalanta durante il Festival dello Sport organizzato dalla Gazzetta.

"Devo ringraziare i giocatori per la disponibilità, apprezzano il mio modo di intendere il gioco. Ci dicono che corriamo di più, ma in realtà siamo nella media, solo che abbiamo grande qualità.

Nella mia idea di calcio coinvolgiamo tutti, certo bisogna stare bene fisicamente ma ci alleniamo molto con la palla" "La difesa a tre veniva considerata un'eresia, ora la usano in molti. E' il miglior modo per costruire il gioco da dietro, io iniziai a Genova ma ora i tempi sono maturi e anche in Europa l'ho imparato"

"Io non sono uno che guarda i giocatori. È importante ritrovarsi nello spogliatoio: la nota fondamentale è che all'interno non ci sono comportamento fuori dalle righe. Sono i giocatori i primi a farlo, ma anche la proprietà stessa ha questi valori.

I comportamenti e l'educazione sono fondamentali: quando rappresenti l'Atalanta devi avere dei comportamenti adeguati, sono loro i primi a non accettare cose strane" "Ci dicono che corriamo molto, ma in realtà i nostri dati sono nella media.

C'è molta qualità in rosa e i valori tecnici sono importanti, altrimenti non segni 98 gol. Occorre condizione, ma anche qualità. La mia idea di calcio è quella di coinvolgere tutti, credo che c'è stata molta applicazione da parte dei ragazzi.

Noi ci alleniamo moltissimo con la palla, la parte principale è questa" Chiosa su Gomez, partito fortissimo anche in questa stagione e vero leader tecnico di una squadra senza eguali. "Non è sempre stato tutto rose e fiori.

Il Papu ha avuto sempre valori molto forti, abbiamo cercato sempre di lavorare per l'Atalanta. Il Papu tendeva ad allenarsi poco, nella sua mentalità è così anche se adesso non salta un allenamento.

C'è stato qualche momento di tensione, ma i momenti di frizione sono stati pochi. È stato un grande aiuto, mi ha aiutato nei rapporti nei giocatori", aveva concluso Gasperini.