Mancini: "Nessuna pressione, ce la faremo"



by   |  LETTURE 198

Mancini: "Nessuna pressione, ce la faremo"

Roberto Mancini non fa drammi per l'1-1 con l'Olanda: “Ci hanno messo in difficoltà come non ci capitava da tanto tempo ma nel calcio bisogna fare gol. Nessuna pressione, vinceremo le prossime due e ci qualificheremo”.

Le parole di Mancini

“Loro hanno cambiato modulo per la prima volta, avevano un difensore in più. Sono certamente una squadra molto forte, sapevamo che sarebbe stata dura entrambi abbiamo avuto delle belle occasioni, credo noi le più pulite, ma è stata una bella partita: dura, combattuta.

Certo, nel calcio bisogna fare gol ma va bene così. Vinceremo le prossime due partite e ci qualificheremo sicuramente. Bergamo? Siamo felici di essere qui, peccato non aver vinto, ma è stata una bella serata, un messaggio importante”.

Dopo Mancini è stato il turno di Leonardo Spinazzola: “Potevamo fare di più soprattutto all’inizio abbiamo sbagliato due o tre occasioni sull’1-0. Loro comunque sono una grande squadra, hanno cambiato modulo perché all’andata erano andati in grossa difficoltà, ma sono un’ottima squadra e ce la siamo giocata.

Noi abbiamo grande autostima e ce l’abbiamo da tempo. Siamo un gruppo giovane, un bel mix di esperienza ed energia. Siamo in un buon momento, sappiamo che dobbiamo battere la Polonia e lavoreremo per farlo”. Roberto Mancini non aveva cercato scuse dopo lo 0-0 con la Polonia.

"Il campo non è un alibi. Noi abbiamo purtroppo pagato questa condizione. Non vuole dire niente, la squadra ha giocato bene, abbiamo avuto occasioni. Non abbiamo fatto gol, capita. Il terreno di gioco era in condizioni pessime.

Abbiamo avuto diverse occasioni, specie nel primo tempo ma anche nel secondo. Avremmo dovuto vincere con un paio di gol di scarto. Al di là del risultato siamo contenti" "Abbiamo spinto fino al novantunesimo, ci è mancato un po' di cinismo, in un paio di occasioni potevamo tirare in porta invece abbiamo passato la palla in mezzo.

Devi essere cinico, tu domini le partite, rischi di prendere un contropiede e perdere. Belotti ha giocato bene, non era semplice. Anche Pellegrini che veniva da un'operazione fatta lunedì. Più di così non poteva fare. Kean è giovane e può migliorare molto. Chiesa? Purtroppo i gol si sbagliano"