Commisso: "Fare meglio dell’anno scorso"



by   |  LETTURE 195

Commisso: "Fare meglio dell’anno scorso"

Il presidente della Fiorentina Rocco Commisso ha parlato ai microfoni di Sky Sport nel post partita di Fiorentina-Torino.

Le parole di Commisso

"Io ho detto che questa Fiorentina è più forte di quella dell’anno passato, dobbiamo fare meglio dell’anno passato.

Questa è la millesima partita vinta al Franchi dalla Fiorentina, mi hanno aspettato che venissi dall’America per vincerla. Chiesa? Perché non parliamo della partita? Perché non vediamo chi è entrato quest’anno? La squadra è più forte l’ho detto, non c’è bisogno per il centravanti, abbiamo cinque che possono segnare.

Nessuno dei cinque ha segnato oggi, ha segnato Castrovilli, che va bene pure. Ci mancava Pezzella oggi, Amrabat. Si devono rispettare sempre gli altri, io credo che Sirigu abbia fatto una bellissima partita, il risultato doveva essere più di 1-0.

Dei nostri mi è piaciuto Biraghi, Duncan, molto Milenkovic, la partenza della squadra, la difesa, e con i nuovi arrivi anche il centrocampo. "Siamo stati un po’ sfortunati in questa partita. Iachini ha la mia fiducia, e quando uno fa bene bisogna riconoscere il suo lavoro, media di 58 punti e quest’anno deve fare meglio.

Io ho preso la decisione che i debiti si fanno in America e qui in Italia porto cash, che ne ha molto bisogno. Poi se me lo lasciano spendere sarà bene per tutti, inclusa la città di Firenze, sul centro sportivo andiamo avanti, spero.

Lasciateci lavorare, la nostra squadra è tutta formata se c’è l’opportunità di prendere altri giocatori li prendiamo, io sono contento di come abbiamo formato la squadra fino ad oggi, vediamo che succede nelle prossime due settimane.

Abbiamo preso molte decisioni a gennaio, la squadra era stata già formata a gennaio perché avevo preso una grande paura dopo Montella. Ora abbiamo preso altri ragazzi che mi sono piaciuti, Borja Valero è entrato oggi. Sono contento di non aspettare quattro mesi per avere la prima vittoria al Franchi", ha concluso Commisso.