Inzaghi: "Lazio, Champions meritata"



by   |  LETTURE 239

Inzaghi: "Lazio, Champions meritata"

Simone Inzaghi può festeggiare. "La Champions? Una qualificazione più importante della Coppa Italia e della Supercoppa. Era da 13 anni che non ci andavamo ed è un riultato importantissimo. C'è soddisfazione per questo traguardo che ci siamo guadagnati"

Le parole di Inzaghi

"Ad inizio anno non era semplice, ma ce l'abbiamo fatta. E' normale che ci sia grande soddisfazione. Mancano 3 partite che dobbiamo fare nel migliore dei modi. Ho un gruppo importante che quest'anno mi ha regalato una qualificazione in Champions e una Supercoppa.

C'era tanta fiducia perché questa qualificazione era praticamente già arrivata prima del Covid. Cercheremo di fare bene nelle ultime partite. I ragazzi sono stati bravissimi oggi, purtroppo non siamo riusciti a chiuderla subito per la bravura del loro portiere.

Stasera avevo anche qualche cambio in più dalla panchina che mi ha aiutato. La squadra l'ho vista bene, sono entrati bene sia Marusic che Lukaku ma anche Lazzari e Jony avevano fatto bene" Simone Inzaghi aveva allargato le braccia dopo la sconfitta con la Juventus.

"Ho fatto i complimenti ai ragazzi perché siamo venuti in casa della Juventus con tanti problemi ma abbiamo giocato con personalità. Abbiamo sbagliato in occasione dei due gol della Juve, ma in questo momento ci gira tutto storto.

Vista la partita che abbiamo fatto, dispiace aver avuto tutti i problemi dell'ultimo periodo. Lukaku escluso anche dalla panchina:? Ci sono orari e regole che devono essere rispettati. Ha sbagliato più di una volta"

"Il fallo di mano di Bastos? E' difficile ormai, ci sono arbitri qualificati e ci fidiamo. Dispiace per come è venuto il gol, perché avremmo preferito che la Juventus si costruisse una rete in altro modo.

Peccato aver preso il gol in quel momento di gara. Alla vigilia eravamo in dodici ad allenarci, siamo riusciti comunque a organizzare un'ottima partita contro una squadra può permettersi di perdere Higuain nel riscaldamento e inserire uno come Dybala.

Questo è un gruppo che ha vinto una Supercoppa, ha 14 punti in più dell'anno scorso e sta per andare in Champions. Questi ragazzi hanno fatto il massimo e non me li deve toccare nessuno" "Non abbiamo sbagliato la preparazione nella pausa.

Correa si è rotto con il Milan, tanti altri giocatori li abbiamo persi dopo otto partite di fila da novanta minuti. Purtroppo ho avuto una rosa corta in questo periodo e non potevo mettere giocatori della Primavera giocandoci lo scudetto.

Mercato? E' normale sperare che le stelle restino in squadra. Se riusciremo a restare con questa squadra faremo grandi cose, ma sappiamo che giocando la Champions dovremo ampliare la rosa", aveva concluso Inzaghi.