Gattuso: "Stiamo facendo un altro sport"



by   |  LETTURE 266

Gattuso: "Stiamo facendo un altro sport"

Gennaro Gattuso si gode la vittoria in rimonta sull'Udinese. "Sono soddisfatto del fatto che abbiamo cercato la vittoria fino alla fine. L'Udinese è una squadra molto fisica, il rammarico più grande è aver preso ancora un palo.

Siamo stati tanto tempo nella loro metà campo, alla prima discesa loro abbiamo preso gol. Su questo dobbiamo migliorare. Penso sia stata una vittoria importante che ci fa lavorare meglio"

Le parole di Gattuso

"Abbiamo costruito buone azioni dando poca profondità contro una squadra fisica se facciamo pochi gol non penso sia una mancanza di equilibrio.

Abbiamo preso tantissimi pali, in alcuni casi c'è anche sfortuna. Questo è un dato che ci preoccupa, ma ora stiamo facendo un altro sport. Questo non è calcio. Giocare ogni tre giorni e senza tifosi è qualcosa di differente, i giocatori non sono robot.

A questa squadra non gli si può dire nulla" "A Bologna mi sono arrabbiato perché ho visto una squadra che sembrava non organizzata. Quello che mi interessa è la mentalità, non si può pensare di non mettere impegno anche se non ci stiamo giocando nulla in queste gare.

Mertens ha preso una ginocchiata sul gluteo, non riusciva a correre con fluidità. Spero non sia nulla di grave" "Speriamo di arrivarci bene alla sfida col Barcellona. Negli ultimi due mesi abbiamo fatto cose importanti.

Le notizie sull'allarme Covid? Non ci ho messo becco perché non è il mio lavoro, lo farà il presidente con i suoi uomini. È normale che ci sia preoccupazione, ma è una cosa che risolveranno loro"

Aurelio De Laurentiis intanto ha tenuto una lunga conferenza stampa ricca di spunti. "C'era l'indicazione folle della Lega di ricominciare il prossimo campionato il 12 di settembre. Secondo me la Serie A dovrebbe partire verso la fine di settembre.

L'ideale sarebbe il 4 ottobre" "Gattuso è un uomo risolto, non cerca soldi e ama il suo lavoro. Se a Castel di Sangro inizierà il suo ciclo? C'è bisogno di sottolinearlo? Quando Ancelotti ha compiuto 60 anni, a tavola c'era anche Gattuso e ho avuto l'opportunità di parlargli per tre ore e sono rimasto positivamente impressionato da lui.

E' appagato sia sul piano personale per le vittorie conquistate, sia sul piano economico. Mi ha dato l'impressione di uno che ama la sua professione"