"Insigne, è prematuro parlare di rinnovo"



by   |  LETTURE 199

"Insigne, è prematuro parlare di rinnovo"

Vincenzo Pisacane, agente di Lorenzo Insigne, ha parlato ai microfoni di Radio Punto Nuovo. "Sono contento di ciò che sta facendo. Lo vedo libero mentalmente, tranquillo, sereno e voglioso. Tanto di questo è dovuto a ciò che sta facendo Gattuso, al ruolo che gli ha dato in squadra.

È prematuro parlare del rinnovo, ha ancora qualche anno di contratto davanti"

Le parole dell'agente di Insigne

"Lorenzo è sempre stato un capitano silenzioso. Si è capitani quando si tiene tanto a qualcosa e lui stravede per il Napoli.

Gestisco Lorenzo da poco ciò he è successo in passato non lo so. Conoscendolo da un po' di tempo, è l'esatto opposto di ciò che spesso viene riportato. È un grandissimo professionista, un ragazzo che non fa altro che pensare all'allenamento, all'alimentazione, a ciò che deve fare in settimana e durante la partita.

Che lui possa essere il capo di un ammutinamento credo sia impossibile" "De Laurentiis non è un personaggio terribile. Se avessi un'azienda, farei tanti debiti pur di affidarla ad Aurelio. Come società sfido chiunque a fare quello che ha fatto lui in 20 anni.

Forse posso paragonare Atalanta e Udinese, che però non sono andate per 10 anni in competizioni varie. Il Napoli è guidato in maniera eccezionale e per noi procuratori è una specie di cassaforte. Con gli altri club devi litigare, mandare lettere di avvocati.

Un anno mi dimenticai di mandare la fattura al Napoli, mi chiamarono loro per averla e mettere a posto i pagamenti. È ovvio che da napoletano vorrei vincere qualcosa in più della Coppa Italia...Rincorsa Champions? Ci credono, ci sono ancora tante partite a disposizione.

Finché la matematica non mette barriere, è giusto crederci: l'importante è guardare a se stessi" Matteo Politano durante la serie di rigori contro la Juve in finale di Coppa Italia si era girato verso la panchina bianconera zittendonela.

A Radio Kiss Kiss si è però scusato. "Sono andato dai giocatori a chiedere scusa. Sono gesti che non vanno fatti, non è stato bello ed ero preso dall'adrenalina. Catenacciari? La gente dice così perché siamo organizzati difensivamente.

In fase di non possesso stiamo corti, ma quando abbiamo noi la palla sappiamo cosa fare. Con Gattuso lavoriamo molto su entrambe le fasi, come Inter e Juventus. Contro squadre forti bisogna difendere stretti" Al resto in avanti può pensare Insigne.