Mancini: "Spero ancora che Balotelli cambi"



by   |  LETTURE 196

Mancini: "Spero ancora che Balotelli cambi"

Roberto Mancini, intervenuto a Dribbling, ha detto la sua su Mario Balotelli: "Spero che un giorno si svegli e cambi, così, tutto di un colpo... è difficile ma spero capisca. Gli ho detto mille volte che sta sprecando un talento enorme, a 30 anni è nel pieno della carriera.

Gli voglio molto bene"

Le parole di Mancini

Il ct della Nazionale ha parlato anche dei colleghi Sarri e Conte, già nell'occhio del ciclone: "I giudizi dopo la Coppa Italia sono ingenerosi, troppo presto per giudicare la ripresa, non è facile essere al 100 per cento senza condizione.

Serve dare tempo" Maurizio Sarri non ha nascosto la delusione per la sconfitta in Coppa Italia. "Siamo tutti molto arrabbiati e delusi, ai ragazzi non ho detto nulla perché penso che ora sia meglio il silenzio.

Ci è mancata brillantezza, soprattutto a livello individuale, per rendere pericolosa la nostra mole di gioco ma in questo momento non potevamo fare di più" "Abbiamo cercato di pressare meno alti, la partita è stata fatta con ottimi livelli di applicazione ma la condizione non è quella ottimale - le parole alla Rai -.

Non manca cattiveria, se no non saremmo riusciti a giocare così per novanta minuti. Penso che sia caratteristico di questo periodo la mancanza di brillantezza. A livello di determinazione noi c'eravamo, anche a livello di concentrazione.

Questi giocatori sono abituati a risolvere da soli le situazioni e, in questo periodo di scarsa brillantezza, non ci riescono. In Inghilterra ho lasciato la coppa all'ultimo rigore, non è bello e mi dispiace perdere una finale ai rigori: mi dispiace per la società e per i ragazzi.

Spero di trasformare il rabbia e fame questa delusione. La Juve produce gioco, non mi è sembrata sgonfia" assicura l'allenatore. "Ronaldo? L'ho visto come gli altri, gli manca corsa e un pizzico di brillantezza in più per incidere ma lo ritengo abbastanza normale in questo periodo", aveva concluso Sarri, della stessa idea quindi di Mancini.