Gravina: "Stadi aperti entro metà luglio"



by   |  LETTURE 242

Gravina: "Stadi aperti entro metà luglio"

Su Radio Deejay, il presidente della Figc, Gabriele Gravina, soddisfatto della ripartenza del calcio avvenuta con la semifinale di Coppa Italia Juventus-Milan, guarda già oltre con la questione spettatori. "Quando aprire gli stadi? Io mi auguro i primi di luglio.

La prima settimana, massimo metà luglio. Questo significherebbe che il nostro Paese ha eliminato quelle ultime restrizioni e che siamo usciti da questo momento particolarmente buio"

Le parole di Gravina

"Quello di venerdì è stato l'ultimo tassello che serviva per fugare qualunque dubbio sulla proiezione dei campionati.

Sono contento di quest'ultimo tassello, ne manca ancora uno che è la partecipazione dei tifosi che mi auguro avvenga in tempi molto rapidi. Sono riuscito a gioire pensando a una strana coincidenza. Venerdì sera avremo dovuto inaugurare l'Europeo con Italia-Turchia a Roma e alla stessa ora è ripartito il calcio italiano.

Questo deve essere un motivo di orgoglio per tutto il movimento sportivo ma anche per tanti appassionati" Gravina era tornato a parlare in un'intervista nel corso di MaratonaSport sul sito di elevensports.it. "Godiamoci la ripartenza, sapendo che dobbiamo ancora limare qualche piccola restrizione imposta dal Cts.

Ci sono ancora dei rischi, dobbiamo governarli in maniera corretta. Oggi il calcio in Italia riparte in linea con quello che è avvenuto a livello europeo è motivo di grande soddisfazione. Abbiamo evitato l'onta delle offese e dell`esclusione dal campo internazionale.

Conseguire questo obiettivo non è stato facile, le condizioni oggettive non hanno dato massima serenità. Abbiamo vissuto momenti complicati e di tensione. Se dovesse continuare questo trend chiederemo al Comitato Tecnico Scientifico di allentare alcune restrizioni, eliminando la quarantena.

Dobbiamo far sì che si possa chiudere il campionato e contemporaneamente, se il virus ce lo permetterà, avere la possibilità di far partecipare i nostri spettatori. Sono i tifosi che promuovono l`effetto dell`entusiasmo.

L'obiettivo è assegnare in campo i verdetti di questo campionato. Cambiare format in corsa sarebbe stato necessario se non ci fossero state le condizioni per la ripartenza", aveva concluso Gravina.