Gasperini: "Dobbiamo essere un branco di lupi".

"Durante l'allenamento i miei giocatori devono lottare e sudare"

by   |  LETTURE 164
Gasperini: "Dobbiamo essere un branco di lupi".

Gianpiero Gasperini ha rilasciato una intervista al Guardian, interessato a carpire i segreti della sua Atalanta. "Durante l'allenamento i miei giocatori devono lottare e sudare. Chi non è abituato a lavorare sodo mi spaventa.

Dobbiamo essere un branco di lupi" "Ci sono dei lupi davanti, alcuni nel mezzo e uno nella parte posteriore del branco. Quelli in primo piano possono impostare il ritmo all'inizio. I lupi successivi sono i più forti, sono quelli che devono proteggere tutti se vengono attaccati.

Quelli al centro sono sempre protetti. Poi ci sono altri cinque forti più indietro per proteggere un attacco da lì. L'ultimo è il capo e si assicura che nessuno venga lasciato indietro. Mantiene tutti uniti ed è sempre pronto a correre ovunque; per proteggere l'intero gruppo.

Il messaggio è che un leader non si limita a rimanere in prima linea; si prende cura della squadra e questo è quello che voglio dai miei giocatori" Chiosa sul Coronavirus. "E' successo tutto in fretta, a Valencia poi trovammo una città in festa e piena di gente in strada.

A Bergamo invece la situazione era già critica. Quando siamo tornati a casa, siamo passati dall'euforia alla paura nell'arco di 48 ore. Gli ultimi due mesi sono stati inspiegabili a parole e Bergamo è rimasta colpita"