Cosa si aspetta Tramezzani dal suo Livorno?

Tramezzani: “ Domani partita dai tanti significati ma i ragazzi hanno lavorato bene”

by   |  LETTURE 162
Cosa si aspetta Tramezzani dal suo Livorno?

Non si parla di mercato ma indubbiamente questo tocca anche i ragazzi: “Sanno che c’è e che potrebbero cambiare alcune cose, ma devono imparare a gestire anche questo. Ultimamente siamo stati tanto insieme e percepisco, vivo una buona serenità all’interno del gruppo al di là di situazioni personali di giocatori che potrebbero voler andare via.

Adesso devono pensare solamente a preparare le gare e in questo caso l’Entella che è una squadra che ha messo già in difficoltà tanto in campionato. Ripeto che questi quindici giorni sono stati una fortuna.

Abbiamo dato continuità a quello che avevamo fatto. Abbiamo avuto tanti giorni per preparare una sola gara a differenza di quello che è successo prima di Natale. Abbiamo recuperato alcuni giocatori come Viviani e Luca Rizzo che adesso hanno una condizione nettamente migliore e che possono essere un po’ come due nuovi acquisti.

Chiaramente la partita ha una valenza diversa rispetto all’allenamento perché ci sono in ballo emotività e altro ma occorre imparare a gestire anche quello”. Avversario di domani è l’Entella: “Abbiamo analizzato la squadra con il mio staff.

Dovremo essere bravi a contenerli in campo aperto sono molto rapidi. A centrocampo dovremo stare attenti e in difesa sarà una sfida uomo contro uomo. Hanno qualità e sanno giocare un buon calcio anche se fanno più un calcio di rimessa piuttosto che palleggiato”.

La situazione societaria è sotto gli occhi di tutti e la contestazione non fa bene a nessuno. “L’unica cosa che possiamo fare per riavvicinare la gente è dimostrare qualcosa. Le parole adesso hanno stancato.

Attraverso la serietà, la voglia, l’attaccamento possiamo tentare di far rientrare le cose. Credo che il tifoso appassionato ti perdoni anche un risultato sbagliato ma vuole vedere l’impegno e l’attaccamento alla maglia soprattutto in una piazza come Livorno”. Fonte: amaranta.it