Mancini: "Sarà difficile lasciare qualcuno fuori dai 23"

il CT parla dopo il match vinto contro l'Armenia

by   |  LETTURE 152
Mancini: "Sarà difficile lasciare qualcuno fuori dai 23"

Una meravigliosa Italia ha demolito per 9-1 l'Armenia. Al Renzo di Barbera di Palermo l'Italia piace e diverte, ma cosa molto più importante, vince. I giovani hanno dato le risposte giuste, Zaniolo su tutti. "Penso a tutti i giovani che stanno migliorando, e le partite internazionali danno forza alle qualità che già hanno - ha spiegato il Mancio -.

Si tratta solo di attendere tempo" Così come anche giocatori come Federico Chiesa hanno fatto benissimo oggi in campo. La serata è stata bella. L'abbiamo presa bene e non si fanno 9 gol a caso, è perché hanno messo tutto quello che potevano mettere - l'analisi del ct - Godiamoci le 10 partite del gruppo tutte vinte, che non era mai successo ed è una cosa straordinaria.

Abbiamo sei mesi per preparare l'Europeo: il difficile sarà lasciare fuori qualcuno dai 23" Mancini visibilmente felice di dover gestire una rosa con così tanti talenti e campioni, l' Italia può andare lontano.

Il primo a congratularsi con Mancini e i suoi ragazzi e il numero 1 della Figc, Gabriele Gravina. "E' una nazionale che questa sera ha avuto modo di chiudere in bellezza un percorso straordinario, continuando a dettare in ciascuno di noi i ritmi di un entusiasmo davvero molto bello.

Grazie alla città di Palermo che ha accolto gli azzurri con un grande abbraccio e un grande tifo, che del resto l'hanno sempre contraddistinta - ha detto ai microfoni di Rai Sport - E' un'annata speciale, un 2019 da incorniciare"

Ora tutta l'attenzione si sposta sul sorteggio del 30 novembre: "E' una squadra che ha mostrato tutto il suo valore, anche cambiando tantissimi ragazzi e lanciandone molti. Di questa Nazionale colpisce che tutti coloro che sono chiamati rispondono con entusiasmo e voglia di dimostrare che sono bravi.

Mancini ne ha tanti su cui puntare, e l'Italia traccerà ancora un percorso di successi. Il 30 novembre a Bucarest conosceremo i nostri avversari, poi il 12 giugno a Roma giocheremo la partita inaugurale. Nel frattempo creeremo le condizioni affinché ci siano dei test impegnativi, perché è giusto soddisfare le esigenze di Mancini"