I voti al Napoli in Champions - Parte 2

I voti al Napoli in Champions League - Parte 2

by   |  LETTURE 83
I voti al Napoli in Champions - Parte 2

Due mani sicure. Anche per Meret era la prima notte con quella musichetta lì che rischia di farti tremare le gambe. Alex, invece, a 22 anni è più stabile di una sequoia centenaria, con radici che diventano solide ed azzurre.

Quando Manolas svirgola l’intervento, provocando l’immediata invocazione di tutte le divinità dell’Olimpo in ordine sparso da Priapo ad Efesto, il terrore piomba sul cielo azzurro. Infinita apnea, il tempo di invocare anche Diana ed Urano, il pallone sul piede di Salah.

Buio. La manona di Alex come deus ex machina a ribaltare l’imminente finale tragico in estasi mistica. 22 anni. FenomenAlex. Tre reti in due gare e zero subite contro il Liverpool nelle due gare giocate al San Paolo nell’ultimo anno.

Esiste una forza inspiegabile, un ventre che genera pura forza in certe notti a Fuorigrotta. La voglia di stupire e stupirsi, regalarsi ricordi destinati a tappezzare le pareti della memoria come un poster di Simon Le Bon negli anni ’80.

Sta nascendo una dolce tradizione, che il sapore caldo di una sfogliatella appena sfornata che ti entra prima nel naso e poi nella bocca. Sarete pure i Campioni d’Europa, ma al San Paolo non si passa. L’urlo degli azzurri scuote anche il ciuffo di Klopp: “Non a casa mia. Non a casa mia”. Fonte: tuttonapoli.net